Milano, via a rateizzazione affitti 2020 per gli immobili comunali

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 6 feb. (askanews) - Chi nel 2020 non ha pagato al comune di Milano canoni di locazione e concessione di immobili di proprietà di Palazzo Marino potrà rateizzare gli arretrati (fino a un massimo di 36 rate per debiti superiori ai 6mila euro). È il provvedimento voluto dal Comune, previsto dal nuovo Regolamento per le Gestione delle Riscossione delle Entrate, per consentire ai locatari di immobili di proprietà comunale di dilazionare i pagamenti nel periodo dell'emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

"Un provvedimento necessario per venire incontro alle difficoltà dei concessionari in un periodo difficile per la nostra città", ha detto l'assessore al Demanio, Roberto Tasca in una nota. "Gli uffici hanno lavorato celermente per adeguare il quadro normativo alla necessità di provvedere, nei limiti consentiti all'Ente, a questa forma di aiuto. L'unica consentita all'amministrazione comunale dalle disposizioni vigenti in tema di riscossione ed entrate", ha spiegato.

Nel dettaglio, se l'importo dovuto va da un minimo di 100 euro a un massimo di 1.500 euro, sarà possibile dilazionare fino a 8 rate; in 24 rate se l'importo arriva a 6mila euro; in 36 rate per un debito superiore a 6mila euro. Se l'importo complessivo da rateizzare dovesse superare i 10mila euro occorrerà presentare un'apposita polizza fideiussoria. Le domande potranno essere presentate fino al 15 marzo 2021. A conclusione dell'istruttoria, fa sapere Palazzo Marino, gli uffici invieranno al richiedente il piano di rateizzazione e i bollettini necessari al pagamento di tutte le rate.