Militare di tempra assoluta e già protagonista della controffensiva di Kharkiv e delle difesa di Kiev

Valeri Zaloujny
Valeri Zaloujny

Si chiama Valeri Zaloujny ed è il generale ucraino che ha portato i russi alla ritirata da Kherson. Per capire chi sia basti pensare che l’alto ufficiale 49enne è stato già protagonista della controffensiva di Kharkiv e della difesa di Kiev. I gradi da generale li ha dal 2017, mentre in Donbass nel 2014 era colonnello di reparto. Zaloujny ha anche il cosiddetto “fisique du role”: una grossa testa ed occhi azzurri stretti, è di fatto il comandante in capo delle forze armate ucraine.

Il generale ucraino che ha cacciato i russi da Kherson

La sconfitta russa a Kiev all’inizio dell’invasione e la controffensiva a Kharkiv con  l’avanzata verso Kherson portano la sua firma. Il generale mise in atto la difesa di Kiev. A luglio ha compiuto 49 anni e da mesi è l’uomo più di successo in Ucraina. Vogue gli ha dedicato un articolo chiamandolo “figura leggendaria”. Zalouzhny è nato l’8 luglio 1973 in una guarnigione militare sovietica a Novograd-Volynsky.

Figlio di un militare e comandante in Donbass

La sua è la classica carriera da ufficiale: 24 anni di servizio da comandante di plotone alla direzione delle operazioni militari contro i separatisti filo-russi sostenuti da Mosca nell’est, a partire dal 2014. Capo del comando settentrionale delle truppe di terra nel 2019, è stato promosso comandante in capo delle forze armate ucraine dal presidente Zelensky nel luglio 2021.