Militari britannici beccati a fare un'orgia

orgia base militare uk
orgia base militare uk

Scandalo in Gran Bretagna, dove un gruppo di paracadutisti dell’esercito è indagato per aver fatto un’orgia all’interno della base militare.

Fanno un’orgia all’interno della base militare

Un gruppo di parà dell’esercito britannico è finito sotto indagine dopo la pubblicazione sui social di alcuni video che li riprendono mentre sono impegnati in un’orgia all’interno di una base militare.

A riportarlo è il Times, e i fatti riguarderebbero alcuni soldati della 16esima Brigata d’assalto aereo, e sarebbero avvenuti nella base di Merville Barracks a Colchester, nell’Essex. La Royal military police sta attualmente indagando, ma sembrano esserci pochi dubbi su quanto accaduto.

Le testimonianze

Una fonte dell’esercito ha affermato che i video erano «piuttosto dettagliati» e mostrerebbero «una donna single con un certo numero di soldati impegnati in sesso consensuale». Si ritiene che la civile possa essere stata introdotta di nascosto nella base.

Un portavoce dell’esercito ha dichiarato che:

«L’esercito si aspetta i più alti standard di comportamento da tutto il suo personale. Chiunque non rispetti questi standard sarà indagato e verrà intrapresa un’azione adeguata contro di essi».

Il precedente

Non sarebbe la prima volta che l’esercito britannico si vedrebbe costretto ad affrontare uno scandalo sessuale: nel 2017, nove militari britannici che lavoravano in un sottomarino nucleare, sono risultati positivi alla cocaina mentre erano in servizio. Si presume che l’equipaggio avesse organizzato festini con prostitute e droga mentre il sottomarino era attraccato negli Stati Uniti per raccogliere testate nucleari.

Il capitano del sottomarino e il secondo in comando sono stati rimossi dal servizio a causa di accuse di relazioni extraconiugali con due donne a bordo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli