“Mille euro, è andata bene!”. La card del reddito di cittadinanza nelle mani di Giuliana

Maria Chiara Furlò

"Mille euro, è andata bene!". Le voci che si rincorrevano negli ultimi giorni, sulla stampa e nelle chat Whatsapp di conoscenti e compagni d'avventura, avevano tenuto molto basse le aspettative di Giuliana (nome di fantasia per tutelarne la privacy, ndr), ma alla fine è andata meglio del previsto. La famiglia tarantina che HuffPost sta seguendo passo dopo passo nel percorso di percezione del reddito di cittadinanza ha vissuto una Pasqua fatta di attese e poche illusioni, ma in quell'uovo - arrivato con due giorni di ritardo, il martedì subito dopo Pasquetta – ha trovato una card ricaricata con mille euro.

Con un Isee di 900 euro, quattro persone sullo stato di famiglia (fra cui il nipotino di 20 mesi e il marito invalido al 75%) e un affitto da pagare, Giuliana si aspettava di ricevere almeno 780 euro al mese ma aveva paura di restare delusa, di rientrare in quel 71% che nella card del reddito di cittadinanza ha trovato 400 euro o anche molto meno. Questa famiglia percepiva già una cifra simile (circa 380 euro) attraverso la card del reddito di inclusione, ma quei soldi non bastavano di certo ad arrivare a fine mese. Soprattutto, non bastavano a coprire i bisogni di un bimbo ancora così piccolo.

Ecco perché, quando stamattina si è recata nell'ufficio postale di via Mar Grande a Taranto – come le era stato indicato nell'sms ricevuto qualche giorno fa – per ritirare la sua card, Giuliana aveva già con sé diverse cose da pagare. "Abbiamo prelevato 100 euro, ossia la cifra massima permessa in contanti, poi abbiamo subito pagato una bolletta del gas di 196 euro che avevamo in arretrato da un po' di tempo e ci preoccupava", ci ha raccontato mentre andava al supermercato a fare la spesa: "ora compreremo sicuramente tutto quello che serve al piccolo Pietro, partendo dai pannolini...e poi tutto il necessario, almeno i beni primari anche per noi, soprattutto alimentari".

La procedura di consegna della card, il primo prelievo e il pagamento della prima...

Continua a leggere su HuffPost