Milleproroghe, Lega: maggioranza ignora esigenze piccoli comuni montani

Luc

Roma, 3 feb. (askanews) - "Ancora una volta la maggioranza Pd-5S-Renzi dimostra di non conoscere le differenti realtà territoriali del nostro Paese e, in particolare, le esigenze delle zone montane. La bocciatura del nostro emendamento al decreto Milleproroghe, con cui avevamo proposto di dare più tempo ai piccoli comuni montani di adeguarsi alla sostituzione obbligatoria dei vecchi veicoli in dotazione ai cantieri comunali con mezzi elettrici o ibridi, ne è triste la conferma. Grave, infatti, non sapere che nelle aree montane mancano quasi del tutto le colonnine per la ricarica e che non ci sono ancora i mezzi da cantiere comunali green con 4 ruote motrici in grado di circolare su strade con particolari pendenze. Risultato: le amministrazioni comunali delle aree montane dovranno comunque sobbarcarsi la spesa per l'acquisto di autoveicoli che non riusciranno a circolare su strade montane particolarmente impervie e che non potranno essere ricaricati. In più, dovranno continuare a dover usare i vecchi mezzi che inquinano di più. Evidentemente stare solo nelle comode stanze del palazzo impedisce una conspavolezza più puntuale delle reali difficoltà di applicare gli obblighi di legge". Così i deputati della Lega in commissione Bilancio della Camera: Vanessa Cattoi, Giuseppe Bellachioma, Silvana Comaroli, Rebecca Frassini, Massimo Garavaglia, Vannia Gava.