Mimmo Lucano può tornare a Riace, revocato il divieto di dimora

Roma, 5 set. (askanews) - Il tribunale di Locri, in Calabria, ha revocato il divieto di dimora nei confronti dell'ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, nell'ambito dell'inchiesta sui presunti illeciti nella gestione dell'accoglienza dei migranti, accogliendo l'istanza dei suoi legali.

Lucano e la sua Riace erano diventati simboli di integrazione, solidarietà e accoglienza, in contrasto con i porti chiusi dell'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini, ma lui si era dovuto allontanare dalla cittadina multietnica in provincia di Reggio Calabria dopo la decisione del Riesame che a ottobre 2018 gli aveva revocato i domiciliari ma imposto il divieto di dimora. Si era rifugiato poco distante, a Marina di Caulonia, e non si era mai arreso a veder tramontare il modello-Riace.

"La giustizia farà il suo corso - ha detto Lucano dopo aver appreso la notizia dai suoi avvocati - la prima cosa che farò è tornare a Riace e quando sarò a casa andrò da mio padre malato, oltre ad abbracciare i migranti".