## Min. Esteri Ucraina: Russia faccia la sua parte per pace Donbass -3-

Orm

Roma, 10 feb. (askanews) - Askanews: "Il suo governo promuove l'integrazione euroatlantica e punta all'integrazione con l'Ue. Di nuovo, realisticamente, lei vede l'Ucraina membro Nato e dell'Ue in un futuro non troppo lontano?

Prystajko: "La risposta secca è 'sì', non abbiamo la palla di vetro per dire quando avverrà, ma incontro tanti colleghi di Paesi che hanno compiuto il processo di riforme richiesto e alcuni di loro non ci avrebbero mai creduto, invece è diventato realtà. Credo sia fattibile, anche se l'Ucraina è un caso particolare: ad esempio l'estensione territoriale, un Paese così grande che diventa parte dell'Ue è cosa complicata, per la Nato è complicato il fatto che c'è una guerra in corso, noi comprendiamo perfettamente tutto questo. Ma per noi è importante il processo già di per sè, il fatto che stiamo mettendo in campo riforme. Non dimentichiamo che i valori europei sono all'inizio di tutta questa storia, la gente in Ucraina nel 2013 non è scesa in strada contro la Russia, ma perché l'allora presidente (Yanukovich) si era rifiutato di firmare l'Accordo di associazione con l'Ue. Questa era la cosa più importante per gli ucraini.

Askanews: "L'Ucraina è stata al centro del processo di impeachment di Donald Trump. In sostanza, il presidente Usa è stato accusato di ricattare il presidente Zelensky, sospendendo gli aiuti militari per ottenere inchieste sul suo avversario politico Joe Biden. Sono cambiati, e come, i rapporti tra Ucraina e Usa dopo questa vicenda?

Prystajko: "Vi stupirà, ma i rapporti con gli Usa sono cambiati per il meglio. Non solo abbiamo avuto gli aiuti militari di cui si è tanto parlato durante il processo di impeachment, ma ne abbiamo ricevuti altri, in aggiunta. Questo grazie anche alle complicate dinamiche interne negli Usa, con il Congresso da una parte che chiedeva di dimostrare più sostegno all'Ucraina e il presidente Trump che sosteneva di dover capire quanto, come bisognava aiutare l'Ucraina, e così via. Non siamo stati certo contenti di ritrovarci al centro dell'impeachment, ma fortunatamente ora il processo è terminato e noi stiamo ricostruendo la nostra relazione: se ci sono stati dei danni, ricostruiremo, ma al momento, per quanto sembri strano, stiamo ricevendo più di quanto promesso".