Minacce a presidente Confindustria Bergamo: una bara non si nega

Red-Mch

Milano, 29 giu. (askanews) - Le lettera contenente il proiettile e le minacce per il presidente di Confindustria Bergamo, Stefano Scaglia, stata firmata da un sedicente gruppo chiamato 'Nuclei proletari lombardi'. Lo riporta L'Eco di Bergamo che nel pomeriggio ha ricevuto il plico in redazione.

"Il signor Stefano Scaglia di Confindustria sappia che non dimentichiamo mai", si legge nella missiva di minacce pubblicata dall'Eco online. "Una bara in pi non si nega a nessuno mai o lui o un suo familiare. Sempre solo questo potr ridare dignit a chi morto sul lavoro. Dove non arriva il Covid arriviamo noi".