Minacce a Sara di Reazione a Catena: "Attaccata per il mio orientamento sessuale. Querelo"

·1 minuto per la lettura
(Photo: reazione a catena)
(Photo: reazione a catena)

“A causa delle minacce ricevute nei miei confronti, della mia famiglia e dei miei amici ho esposto una querela verso alcuni profili e questa sera non commenterò sui social Reazione a Catena che, ricordiamo, è un gioco e quello doveva restare”. A scriverlo sul suo profilo Twitter è stata Sara Vanni, campionessa in carica del game show di Rai uno con il team Le Sibille.

Indirizzati a Sara, sono comparsi diversi insulti e minacce omofobe: “In tutto questo sono stata insultata e minacciata anche per il mio orientamento sessuale. Se il Ddl Zan fosse stato approvato, avrebbe costituito un’aggravante”.

Sara ha 29 anni, è di Torino e si è laureata in Lettere a Siena, con indirizzo in Arti figurative e spettacolo. Si è poi specializzata con una laurea magistrale in Media Radiotelevisivi all’Università La Sapienza di Roma. Ha anche un diploma in counseling relazionale e un master in Programmazione Neuro Linguistica. A Reazione a Catena è campionessa dal 12 agosto e fin’ora ha accumulato un montepremi di 91.032 euro in gettoni d’oro.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli