Ministri accusati di abusi sessuali, Boris Johnson nella bufera

·1 minuto per la lettura
Ministri accusati di abusi sessuali, Boris Johnson nella bufera
Ministri accusati di abusi sessuali, Boris Johnson nella bufera

Boris Johnson, ministri accusati di abusi sessuali. Dopo lo scandalo del party gate durante le restrizioni anti Covid, una nuova ombra incombe sul sistema politico britannico.

Boris Johnson, il rapporto: “Tre ministri accusati di abusi sessuali, segnalati 56 deputati”

Tre ministri conservatori e altri due ministri sono stati accusati di molestie sessuali. In Parlamento sono cinquantasei i deputati segnalati all’Independent Complaints and Grievance Scheme (Icgs), su un totale di 70 denunce.

Nel 2018 nacque l’Icgs in seguito al movimento “Me Too” e allo scandalo di Westminster, quando vennero a galla numerosi casi di molestie sessuali che si tradussero nelle dimissioni del Ministro della Difesa del governo May Michael Fallon e all’arresto del deputato conservatore Charlie Elphicke.

Ministri accusati di abusi sessuali, ombre sul governo britannico Johnson

Nel mirino dell’Icgs, stavolta, ci sono commenti impropri a sfondo sessuale e un reato che riguarda un parlamentare britannico. Questi avrebbe corrotto un membro dello staff in cambio di favori sessuali. “Non è una sorpresa”, ha detto il segretario generale del sindacato Fda Dave Penman, “che le circostanze che in passato hanno permesso a bullismo e molestie di crescere in questo ambiente non siano di fatto cambiate in questi anni”.

Il ministro ombra laburista che si occupa di violenza domestica, Jess Phillips, ha definito il numero di denunce “sconvolgente” e chiesto di istituire un gruppo di esperti che possano lavorare sul problema.

Molestie e abusi sessuali dal 2008, alcuni dei casi

Di recente, il ministro conservatore Imran Ahmad Khan si è dimesso dopo essere stato condannato per aver aggredito sessualmente un ragazzo di 15 anni nel 2008. David Warburton, suo collega, è stato sospeso dall’incarico di capogruppo per il suo coinvolgimento in uno scandalo di cocaina e molestie. Ieri, 24 aprile 2022, c’è stato un attacco sessista nei confronti della laburista Angela Rayner, accusata dai conservatori di distrarre volontariamente Boris Johnson durante i dibattiti in Camera dei Comuni, esponendo il suo corpo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli