Ministri Lavoro G20 eviteranno errata classificazione di lavoratori 'gig economy'

·1 minuto per la lettura
Una bandiera italiana e dell'Unione europea a Roma

ROMA (Reuters) - I ministri del Lavoro del G20 hanno dichiarato che cercheranno di imporre norme più severe per proteggere i lavoratori della 'gig economy'.

In un comunicato pubblicato dopo un meeting in Sicilia, i ministri hanno detto di voler evitare ogni errata classificazione dello stato d'impiego di alcuni lavoratori 'gig' che "potrebbe impedire loro l'accesso alle stesse salvaguardie e agli stessi diritti" di coloro che sono assunti.

Il meeting del G20 giunge in un contesto che vede l'Unione europea proporre entro la fine dell'anno una cornice regolatoria a livello Ue, mentre i tribunali e le autorità hanno cercato di risolvere le lacune percepite nella 'gig economy'.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli