Minori: consulenti lavoro, Italia maglia nera per abbandono studi giovani dai 18 ai 24 anni

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 giu. (Labitalia) – Malgrado una curva tendenziale positiva nel contrasto al fenomeno dello sfruttamento minorile, complice il rafforzamento della normativa e la maggiore attenzione all’abbandono scolastico, l’Italia è maglia nera nel panorama europeo per la quota di giovani dai 18 ai 24 anni che hanno lasciato prematuramente gli studi (9,9%), assieme alla Spagna.

Soprattutto nel Mezzogiorno, con punte in Sicilia e Campania rispettivamente del 19,4% e 17,3%. Emerge dall'indagine della Fondazione studi consulenti del lavoro 'Il lavoro minorile in Italia: caratteristiche e impatto sui percorsi formativi e occupazionali', realizzata dal proprio Ufficio Studi in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile del 12 giugno 2021.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli