Minori, De Micheli (Pd): Di Maio ipocrita, chiesto voti a mondo Coop

Pol/Bac

Roma, 31 lug. (askanews) - "Luigi Di Maio dimostra ancora una volta di non conoscere la storia del movimento cooperativo e del Terzo settore nel nostro Paese, la ricchezza e la qualità del contributo che hanno fornito assolvendo ad un ruolo sociale di completamento dello Stato secondo il principio di sussidiarietà. Lo so, chiediamo troppo a Di Maio: chi nasce tondo non muore quadrato. Ma potrebbe avere almeno la dignità di non parlare a vanvera di soldi dati alle cooperative e alle onlus 'ideologicizzate'. Anche perché lo stesso Di Maio ha chiesto voti al mondo della cooperazione promettendo qualsiasi cosa". Lo scrive la vicesegretaria del Partito Democratico Paola De Micheli in un post su Facebook, commentando l'intervista a "La Stampa" di Luigi Di Maio.

"Di cosa parliamo allora? Sulla drammatica vicenda di Bibbiano per la quale abbiamo chiesto per primi di perseguire i presunti colpevoli senza pietà, il capo politico del M5S - aggiunge - dimostra tutta la sua ipocrisia e sbruffonaggine: è noto a tutti, infatti, che l'associazione 'Hansel e Gretel' di Torino, al centro dell'inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni' della Procura di Reggio Emilia - sottolinea l'esponente dem - è stata promossa e finanziata dal partito del vicepremier Di Maio, e che uno dei difensori dei principali indagati è l'ex candidata grillina al comune di Reggio Emilia. Tutti sanno della vicinanza tra questa associazione e il M5S di Di Maio, che continua, purtroppo, a utilizzare i bambini e a strumentalizzare una vicenda drammatica per biechi obiettivi di consenso dopo il crollo verticale dei grillini alle ultime elezioni Europee. Tutto questo - conclude la vicesegretaria PD - sulle spalle di chi soffre".