Minori a rischio in hotspot Samos, Corte Ue: trasferirli subito

Red/Coa

Roma, 3 gen. (askanews) - La Corte Europea per i Diritti dell'Uomo ha accordato una soluzione immediata per salvaguardare l'integrità fisica e psicologica di cinque minori profughi non accompagnati, presenti sull'isola di Samos, in Grecia, a seguito dell'appello lanciato dalla sezione legale del Greek Council for Refugees (GRC), in collaborazione con ASGI, Still I Rise e Medici Senza Frontiere.

Il procedimento avviato lo scorso 24 dicembre - si legge in una nota - si appella all'art.39, interim measures, del Regolamento di procedura della Corte Europea e per la prima volta si focalizza sui minori non accompagnati (MSNA) di Samos: il governo greco dovrà disporre il loro tempestivo trasferimento in un luogo sicuro, nel rispetto dell'art. 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, che sancisce il divieto di tortura e di trattamenti degradanti.(Segue)