Minori a rischio in hotspot Samos, Corte Ue: trasferirli subito -4-

Red/Coa

Roma, 3 gen. (askanews) - Dalle testimonianze di cinque MSNA tra i 15 e i 16 anni, tutti provenienti dall'Afghanistan, è stato delineato un quadro quotidiano di costante deprivazione dei loro diritti fondamentali, a partire dalla mancata assegnazione di un tutore legale, figura indispensabile per garantire i diritti dei minori non accompagnati, nonché per seguire le pratiche burocratiche sia per il trasferimento nella Grecia continentale, sia per il ricongiungimento familiare.

I minori hanno dichiarato di essere nel RIC o nella "giungla" da un tempo variabile tra i 3 e i 10 mesi e denunciano che la distribuzione del cibo sia totalmente insufficiente, così come l'accesso alle strutture igieniche, alle cure, all'assistenza medica e a servizi di supporto psicosociale. (Segue)