Minori stranieri non accompagnati, Lombardia cerca tutori volontari

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 lug. (askanews) - La Regione Lombardia cerca con un bando tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati arrivati sul proprio territorio. Ne sono presenti, ad oggi, 2.859, arrivati nel nostro Paese con un passato di sofferenza e traumi e senza genitori né altri adulti che possano occuparsi di loro. I tutori sono 363 e ne servirebbero almeno altri 1.500, secondo le stime del Garante regionale per l'Infanzia e l'Adolescenza che ha pubblicato il nuovo bando per la selezione di cittadini disponibili ad assumere a titolo volontario e gratuito la tutela di minori stranieri non accompagnati.

I minori stranieri non accompagnati sono collocati in comunità e i tutori volontari hanno il compito di rappresentanza legale. L'obiettivo del nuovo bando della Regione è di implementare il più possibile il numero di queste figure che rappresentano un punto di riferimento molto importante per i tanti minori stranieri soli che si trovano sul territorio regionale.

"Essere tutori significa essere il punto di riferimento legale, umano e personale per un minore collocato in una comunità - sottolinea il Garante regionale per l'Infanzia e l'Adolescenza Riccardo Bettiga -. Chi ha la tutela di un Msna deve mettere a disposizione il tempo per gli adempimenti burocratici ma può anche scegliere di impegnarsi ulteriormente e costruire una relazione stretta con il minore. La legge n°47 del 2017, detta legge Zampa, è quella che ha istituito questa figura. All'epoca però era passato il messaggio che ci fosse bisogno solo di un impegno burocratico e dunque i tutori erano quasi tutti avvocati. L'esperienza ha però dimostrato che serve un adulto che sia presente anche da un punto di vista relazionale. Serve quindi qualcuno che accompagni i minori per mano a conoscere la nostra società e il nostro Paese. Abbiamo bisogno di cittadini di qualunque professionalità che abbiano del tempo da dedicare a questo compito sociale".

I tutori iscritti negli elenchi del Tribunale dei Minori di Milano sono 267, di cui 176 residenti a Milano, 23 a Como e a Varese, 21 a Monza e Brianza, 9 a Lecco, 8 a Pavia, 3 a Lodi, 2 a Sondrio e a Bergamo. Quelli iscritti negli elenchi del Tribunale dei Minori di Brescia sono invece 96, di cui 49 residenti a Brescia, 28 a Bergamo, 12 a Cremona e 7 a Mantova. Le province in cui servirebbero maggiormente nuovi tutori sono Lodi, Cremona e Mantova. Per diventare tutore volontario di minori stranieri non accompagnati è sufficiente essere cittadini italiani (o europei), aver compiuto 25 anni, godere dei diritti civili e politici e non aver riportato condanne penali. Le candidature vengono valutate attentamente e sono previsti colloqui e formazione prima di essere iscritti nell'elenco istituito presso i Tribunali per i minorenni di Milano e Brescia.

"I tutori volontari di Msna - conclude Bettiga - rappresentano un tassello fondamentale nel nostro sistema dell'accoglienza e contribuiscono a offrire a questi minori le opportunità necessarie per la loro nuova vita in Italia. Lanciamo un appello a tutta la popolazione affinché tanti cittadini possano dare la propria disponibilità a diventare tutori e compiere così un gesto di civiltà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli