Miriam Leone: "La gente mi vede bella e non capisco. Al Liceo prendevano in giro le mie sopracciglia"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Vittorio Zunino Celotto via Getty Images)
(Photo: Vittorio Zunino Celotto via Getty Images)

“La gente mi vede bella e non riesco a capire. Non sono mai contenta del mio aspetto. Al Liceo mi prendevano in giro per le sopracciglia folte. Mi dicevano che ero Elio delle Storie Tese”. Persino Miriam Leone - eletta Miss Italia nel 2008 - da ragazza è stata vittima delle prese in giro dei compagni di scuola. Lei si sentiva diversa dagli altri.

“Ti sembra di vivere una discesa agli inferi invece è un’ascesa. Era un modo di vedere le cose che dovevo capire. Per essere autentici bisogna conoscersi. Io mi sentivo diversa anche fisicamente, si rivolgevano a me come se fossi una straniera”.

Gli insulti non mancano neanche adesso che la popolarità l’ha esposta agli hater dei social.

“Perché me la dovrei prendere se sui social mi insulta, per dire, Giuseppino88? La facilità nel criticare il prossimo sono chiacchiere da bar che valgono zero. Le cose cambiano nei giovanissimi, vedo un’accettazione importante della diversità. Ci ho messo una vita ad accettare la mia faccia”

Miriam Leone è stata anche conduttrice tv - “Non era il mio posto, dovevo dire quello che piaceva e non quello che pensavo. Allora meglio il silenzio” - dopo essere stata lanciata dalla vittoria a Miss Italia:

“La corona devi restituirla: ne ho fatta una copia che conservo in bagno. Mi serviva una testimonianza. Un giorno, quando sarò anziana, la mostrerò a figli e nipoti e dirò: sono stata Miss Italia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli