Missili Corea del Nord, nuovi lanci: è la terza volta in due settimane

missili-corea-del-nord

Stando a quanto riportato da fonti statunitensi non confermate, due nuovi missili sarebbero stati lanciati dalla Corea del Nord intorno alle 3 del mattino di venerdì 2 agosto ora locale. I lanci sarebbero stati effettuati nel corso di un test militare anche se non risulta ancora chiari che tipo di missili siano stati utilizzati. Se la notizia dovesse essere confermata si tratterebbe del terzo lancio di missili compiuto dalla Corea del Nord nelle ultime due settimane, dopo l’ultimo avvenuto lo scorso 31 luglio.

Missili Corea del Nord, nuovo lancio

Secondo funzionari americani,questi ultimi missili sarebbero simili a quelli lanciati nel corso delle volte precedenti. Un dato rilevato anche dall’esercito della Corea del Sud, che ha parlato di proiettili a corto raggio non identificati sparati uno alle 2:59 del mattino e un altro alle 3:23. I due missili sarebbero stati sparati dalla provincia nordcoreana di Hamgyong, e fatti dirigere – come i precedenti – nel Mar del Giappone.

Citando funzionari governativi, l’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap ha dichiarato: “Stiamo monitorando la situazione in caso di ulteriori lanci, mantenendoci pronti per ogni evenienza”. Allo stesso tempo un funzionario americano ha rivelato sotto anonimato che sarebbe stato rivelato almeno un missile, non ritenuto tuttavia una potenziale minaccia per l’America del Nord.

Le parole di Donald Trump

Nel commentare la notizia del presunto lancio nordcoreano, il Presidente degli Stati Uniti ha voluto minimizzare la vicenda. Donald Trump non è infatti detto preoccupato, affermando di non avere alcun problema con i missili a corto raggio, dato che sono nella norma.

I lanci di missili che la Corea del Nord sta effettuando nelle ultime due settimane sarebbero una risposta alle esercitazioni militari congiunte che gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno in programma nelle prossime settimane. Una prova di forza di Pyongyang da inserire anche nel contesto dello stallo nei negoziati con gli Usa dopo lo storico incontro tra Trump e Kim Jong-un dello scorso 30 giugno.