Mitsubishi produrrà entro 2030 il 60% energia da fonti rinnovabili

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 apr. (askanews) - Il conglomerato (keiretsu) giapponese Mitsubishi farà crescere, per quanto riguarda le sue controllate nel settore dell'energia, la quota da fonti rinnovabili dall'attuale 30 al 60 per cento entro l'anno fiscale 2030 (che finisce il 31 marzo 2031). Lo scrive oggi il Nikkei Asia.

In particolare Mitsubishi incrementerà gli investimenti nel solare e nell'eolico sia in Giappone che a livello globale, riducendo la generazione basata sul carbonio fino a portarla a zero entro il 2050.

Attualmente la Mitsubishi ha una capacità di generazione di 10,8 milioni di kilowatt, compresi gli impianti ancora in costruzione, dato calcolato anche in base alla sua quota di partecipazione.

Al recente summit sul clima organizzato dal presidente Usa Joe Biden, il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha aggiunto alla promessa di decarbonizzazione entro il 2050, anche un impegno per il Giappone di tagliare le emissioni di gas serra del 46 per cento entro lpanno fiscale 2030.