Mitsubishi resta in Europa, dal 2023 in gamma modelli prodotti da Renault

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Si apre una nuova fase nella collaborazione fra il Gruppo Renault e Mitsubishi Motors Corporation: i due gruppi, membri dell'Alleanza che include anche Nissan, vedranno a partire dal 2023 una sorta di integrazione sul mercato europeo, dove Mitsubishi commercializzerà due 'veicoli gemelli' prodotti negli stabilimenti del Gruppo Renault, basati sulle stesse piattaforme, ma con alcune differenze che riflettono il proprio dna. La casa giapponese così manterrà la presenza sul mercato europeo grazie a un mix del modello Eclipse Cross Phev di Mitsubishi e dei “veicoli gemelli” sviluppati dal gruppo francese.

Una soluzione, si sottolinea in una nota, che va "in linea con quanto annunciato dall’Alleanza a Maggio 2020" e che vede Nissan, renault e Mitsubishi "lavorare su varie iniziative per migliorare la competitività e la redditività delle tre aziende partner traendo profitto dalle rispettive posizioni di leader e vantaggi geografici".

Commentando la decisione Jean-Dominique Senard, Presidente del Consiglio Operativo dell’Alleanza e di Renault, sottolinea come "il nostro approccio è collaborativo, fondato sul reciproco rispetto" mentre Takao Kato, CEO di Mitsubishi Motors ricorda come la casa "ha attuato riforme strutturali in Europa e la decisione di congelare lo sviluppo dei nuovi modelli per il mercato europeo, annunciata a Luglio 2020 nel nostro piano a medio termine, rimane valida". Dal canto suo Luca de Meo, CEO del Gruppo Renault, osserva come "il nostro nuovo approccio nell’ambito dell’Alleanza su progetti che abbiano senso e impatto sta diventando una realtà. Quest’iniziativa, pragmatica e intesa alla creazione di valore, favorirà l’attività dei nostri stabilimenti e l’impronta geografica del nostro partner, facendo vedere i suoi effetti nelle strade europee. Questo bel progetto risponde alle aspettative di tutti i partner a livello di design, normativa e business. A questo serve l’Alleanza e noi del Gruppo Renault siamo molto contenti di contribuire a questa nuova fase della storia della nostra collaborazione".