Mittal abbassa l'asticella, ma 3000 esuberi la dividono ancora dal Governo

Giuseppe Colombo

Alle tre e mezzo del pomeriggio termina l’ennesima riunione quotidiana nello studio degli avvocati. E finisce con una consapevolezza tra le parti che siedono al tavolo: altamente difficile, se non impossibile, arrivare alla scadenza imminente con un’intesa vincolante. Ex Ilva di Taranto: a quindici giorni dalla dead line concordata tra il governo e Mittal, la distanza è un numero pesante. Tremila esuberi. I franco-indiani hanno abbassato l’asticella, da circa cinquemila ad appunto tremila, ma l’esecutivo insiste per azzerare le uscite. La trattativa è in salita. Anche l’ingresso dello Stato - una delle rassicurazioni che il colosso dell’acciaio ha preteso per non lasciare lo stabilimento - è da confezionare. 

Dalla firma del pre-accordo è passato quasi un mese. Era il 20 dicembre quando l’esecutivo e ArcelorMittal decisero di sterilizzare lo scontro in tribunale e proseguire la trattativa. L’udienza fatta slittare al 7 febbraio, l’impegno a trattare fino al 31 gennaio per raggiungere un accordo. Il tutto condito dall’ottimismo. In fondo il governo è riuscito a tenere l’azienda al tavolo e Mittal ha ottenuto che lo Stato partecipi al rischio del nuovo corso green che si vuole disegnare per Taranto. Da quel giorno le parti hanno iniziato a lavorare sottotraccia. Incontri quotidiani che si svolgono al ministero dello Sviluppo economico e negli uffici dei legali delle parti. Sono questi i luoghi deputati a costruire la strada verso l’accordo. Al tavolo siedono gli avvocati e i consulenti delle due parti.

A palazzo Chigi, invece, si fa il punto sul decreto Taranto, il provvedimento che disegna il futuro di tutto quello che c’è intorno all’impianto. Proprio quando la riunione dei tecnici era in procinto di terminare, nella sede della presidenza del Consiglio sono entrati alcuni dei ministri coinvolti nel dossier, quello allo Sviluppo economico Stefano Patuanelli e Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud. E poi ancora il...

Continua a leggere su HuffPost