Mix vaccini, Crisanti: "Niente dati su protezione, una follia"

·1 minuto per la lettura

Il 'puzzle' di vaccini, con mix tra farmaci diversi, non consente di avere dati sulla protezione dei vaccinati. "E' stata creata una follia", è il giudizio categorico del professor Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia dell'università di Padova. "Inizialmente in Italia c'erano due categorie, i guariti e i non infettati. Poi, abbiamo avuto 4 diversi vaccini. Poi, abbiamo fatto la seconda dose mischiata, creando 24 tipi diversi di immunizzazione. Adesso si dà la possibilità di fare la terza dose con Pfizer o Moderna, abbiamo 48 regimi di immunizzazione: una cosa mai vista", dice Crisanti a Agorà.

"Il problema è che per prendere le decisioni politiche bisogna sapere quante persone protette: come si fa calcolare la protezione della popolazione sulla base di 48 situazioni immunologiche? E' stata creata una follia, come microbiologo sono indignato per il modo in cui è stata creata questa situazione. Gli altri paesi non hanno fatto questo pasticcio", aggiunge.

"Conosciamo i dati sulla durata dei vaccini sulla base dei trial delle aziende farmaceutiche: Pfizer ha fatto i trial con 3 dosi Pfizer, ma non sappiamo nulla" sui dati "relativi alla combinazione" tra vaccini diversi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli