Mo: Rampelli, 'fermare videogame antisemita'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 ott. (Adnkronos) – “Il presidente del Consiglio Draghi si attivi con urgenza per combattere l’antisemitismo che oggi sta trasformando pericolosamente le sue forme espressive e si manifesta anche con la diffusione di videogame antisemiti e jihadista, come ‘I cavalieri della moschea di Al-Aqsa'. Ci devono essere immediate iniziative da parte dell’Esecutivo e da parte della presidente. Von Der Leyen -che proprio pochi giorni addietro ha presentato la strategia per combattere l’antisemitismo- affinché il videogame non possa essere scaricato né in Italia né in Europa". Lo afferma Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia e vicepresidente della Camera.

"Il prodotto, realizzato da uno sviluppatore brasiliano figlio di un ex militante di Al Fatah, non è ancora scaricabile -spiega l'esponente di Fdi- ma l’anteprima è visibile sulla piattaforma Steam. Il video ha per protagonista un terrorista mentre è intento a bombardare Gerusalemme con l’intenzione di distruggere lo Stato di Israele, accompagnando le gesta con l’urlo ‘Allah Akbar’. I giocatori quindi si trovano coinvolti in questa guerra per sterminare gli israeliani, civili e militari, usando fucili, coltelli, granate e razzi. Non si può tollerare che passino in Italia attività terroristiche che inneggiano alla fine di Israele utilizzando il ‘cavallo di Troia’ della rete e sotto forma di attività creative e commerciali".

"Scriverò oggi stesso al presidente dell’intergruppo parlamentare dell’Amicizia Italia-Israele, Paolo Formentini, affinché -chiede Rampelli- solleciti anche lui una immediata presa di posizione da parte del Governo italiano. Alla comunità ebraica e allo Stato d’Israele giunga la mia solidarietà per le offese subite in questo videogame”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli