Moavero: Italia non è isolata, ma non ecceda su dinamiche interne -2-

Fco

Roma, 26 ago. (askanews) - Quanto all'adesione del governo alla Via della Seta della Cina, Moavero si è sentito "stupito, per la percezione fuorviante dell'accordo. Anche in questo caso, non ho mai avuto dubbi sulla netta precedenza da dare alla lealtà verso le alleanze dell'Italia e alla sua sicurezza, rispetto ai rapporti commerciali. L'odierna fluidità delle relazioni internazionali scompiglia i riferimenti, ma penso che dobbiamo mantenerne tre ben saldi: l'Onu, foro di discussione per la pace; il processo d'integrazione europea, via maestra per il futuro dei popoli d'Europa; la Nato e l'amicizia con gli Stati Uniti, garanzia di sicurezza di frontearischi vecchi e nuovi".

"Organismi come il G7, l'Organizzazione mondiale del Commercio, l'Onu o la stessa Ue necessitano di riforme", sottolinea Moavero, "Occorre rinnovarli per rafforzarli. Ma ancor più, credo che l'Italia debba anche darsi alcune linee di proprio diretto interesse".(Segue)