Moda: Giuppa- Marseglia firmano thriller movie, 'Ritornando a Hanging Rock'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Un thriller movie o semplicemente un fashion film, 'Ritornando a Hanging Rock', il progetto firmato da Rossano Giuppa con gli abiti creati per l'occasione dal giovane stilista Italo Marseglia, liberamente ispirato al film di Peter Weir 'Picnic ad Hanging Rock' (anno di nascita 1975), al romanzo omonimo della scrittrice Joan Lindsay, ad un evento realmente accaduto. E’ il giorno di San Valentino. Nell'Australia coloniale e torrida del febbraio del 1900, con la sua luce ed i paesaggi primordiali, le giovani nobili educande dell’Appleyard College si recano in gita ad Henging Rock. Il richiamo improvviso e forte della roccia vulcanica isolata nella macchia australiana porta alcune di loro a staccarsi dalle altre e a sparire tra sentieri e rovi. (VIDEO)

"In un altro emisfero e in un’altra epoca tra la fitta vegetazione e gli intensi raggi invernali di una giornata assolata di febbraio, al confine tra l’urbano e suburbano, una collina si erge con la sua folta e irregolare vegetazione - spiega Rossano Giuppa - Quattro adolescenti seguono lo stesso richiamo della roccia. Quella collina e quella roccia che seppur distanti 14 mila chilometri hanno in comune la stessa forza attrattiva e la stessa capacità di segnare il destino di altre vite. Un tempo sospeso e un desiderio di aria, di luce, di bellezza e di essenzialità. Non si sfugge, è il tempo dell’ascesa, aggiunge il regista".

"Miranda, Marion, Irma e Michael devono salire, devono offrirsi e integrarsi con la Madre Terra che li pretende forse per proteggerli - racconta ancora Rossano Giuppa - Un evento al di là del tempo, presente come modello e ammonizione, un mito moderno venuto dall’ultima terra che l’uomo ha colonizzato. Una sparizione che lascia una traccia e un monito. Un prato di dizionari per appropriarsi delle sfumature dei linguaggi, per capire e farsi capire".

Gli abiti creati da Italo Marseglia appartengono al progetto speciale 'The common thread', realizzati a mano con tecnica crochet e pensati per la stagione Fall/Winter 2021/2022 tenendo conto delle nuove necessità e modalità cui ci costringe lo scenario attuale. Lontano dal network globale messo in piedi per costruire le sue collezioni di Upcycling', il designer si è concentrato sul contributo singolo che può proporre con la propria idea di moda, confermando il proposito del fare della manualità e della salvaguardia del savoir-faire artigianale un perno delle sue produzioni.

E allora, proprio in questa visione, nasce l’idea di 'common thread', un filo comune per la produzione di nuovi look ricorrendo solo alle mani coinvolgendo il più ampio network possibile (tra amici e followers) per recuperare le materie prime. Per recuperare filati da lavorare con la tecnica del crochet per continuare il lavoro di Upcycling creativo partendo direttamente dal filo.