Modelle violentate, chiesti 8 anni per Alberto Genovese

Alberto Genovese (Foto LaPresse)
Alberto Genovese (Foto LaPresse)

E' stata chiesta una condanna a 8 anni di reclusione e 80mila euro di multa per Alberto Genovese, ex imprenditore del web accusato di aver violentato due modelle, dopo averle rese incoscienti con mix di cocaina e ketamina.

La richiesta arriva dal procuratore aggiunto di Milano, Letizia Mannella, e dai pm Rosaria Stagnaro e Paolo Filippini. Il processo a Genovese si sta svolgendo con rito abbreviato, a porte chiuse, davanti al gup Chiara Valori.

Genovese, presente in aula e ai domiciliari in una clinica per disintossicarsi, è imputato per violenza sessuale aggravata, detenzione e cessione di stupefacenti e lesioni. I pm milanesi hanno, comunque, chiesto al giudice di concedere al 45enne le attenuanti generiche anche per il suo percorso riabilitativo, terapeutico e di recupero dalla tossicodipendenza, che sta portando avanti in una clinica in regime di domiciliari.

LEGGI ANCHE: Alberto Genovese in aula, ex imprenditore in lacrime: “Ragazze consenzienti e consapevoli della droga”

I due casi di violenza sessuale si sarebbero consumati il 10 ottobre 2020 ai danni di una modella 18enne durante una festa nell'attico "Terrazza Sentimento" di Genovese con vista sul Duomo; l'altro - nel luglio precedente - ai danni di una 23enne ospite in una villa di lusso a Ibiza.

Entrambe le ragazze sarebbero state stordite con mix di cocaina e ketamina e quindi violentate. il pm Rosaria. Stagnaro ha sottolineato, in particolare, la mancanza di consenso delle giovani che hanno subito abusi mentre erano incoscienti.

Imputata anche l'ex fidanzata dell'ex imprenditore del web, Sarah Borruso, per concorso nella violenza nell'isola spagnola: per lei i pm hanno chiesto 2 anni e 8 mesi.

La difesa sostiene il vizio di mente di Genovese per uso massiccio di cocaina. "Abusavo di droghe, non controllavo più la realtà e ho capito solo dopo, riguardando quei video, che la ragazza aveva manifestato il suo dissenso", aveva detto Genovese, interrogato nella scorsa udienza e piangendo alla fine, per cercare di giustificare il suo comportamento sulla 18enne nell'attico di lusso. Sul caso di Ibiza, l'ex fondatore di start up digitali si era difeso parlando di "rapporti consenzienti", ma dicendo anche di aver compreso che lei stava molto male quella sera solo ora che è in comunità".

GUARDA ANCHE: La marcia contro la violenza delle donne sudamericane: il video è emozionante

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli