Modena celebra Franco Fontana con una "Sintesi" originale

Lme

Milano, 25 mar. (askanews) - Franco Fontana torna a casa: il grande fotografo viene celebrato in una mostra nella sua Modena attraverso una selezione di scatti che ne ripercorrono tutti i sessant'anni di carriera, seppure attraverso una selezione di immagini molto mirate, che hanno contribuito a creare l'estetica di Fontana conosciuta in tutto il mondo ma che, al tempo stesso, non sono le icone più viste.

A curare la mostra, coerentemente intitolata "Sintesi", la direttrice della Fondazione Modena Arti Visive, Diana Baldon, che ha provato a riassumere così il nucleo del lavoro di Franco Fontana. "Non ci sono strategie di post produzione - ha detto ad askanews - ci sono solo inquadrature, un occhio e una visione che è molto tipica dell'occhio di Fontana e nessun altro artista riesce a elaborare un linguaggio del genere".

Geometrie, superficie, colori: le trenta fotografie in mostra sono prove di come il percorso dell'artista sia stato in costante evoluzione, ma avendo al tempo stesso una forte coerenza, una persistenza verrebbe da dire di certi modelli compositivi. E anche guardando a opere di diversi decenni fa, Fontana non prova dubbi o ripensamenti. "Queste fotografie - ci ha detto - mi appartengono come se le avessi fatte ieri, perché queste cose non hanno età. Tutta la foto creativa a 360 gradi rappresenta un'esistenza. La creatività rappresenta l'esistenza, io non devo spiegare niente, spiego quello che ci capite voi".

Allestita su tre sedi, la mostra assume ancora più valore - e anche qualche rischio in più - per il fatto di essere dedicata a un concittadino. "Quindi un evento molto importante per Modena - ha aggiunto la direttrice Baldon - nel senso che si tratta di un artista modenese, molto riconosciuto, che però ha vissuto tutta la sua carriera fuori da Modena, ed è giusto che in questo momento tutte le istituzioni della città, soprattutto i luoghi dedicati all'arte contemporanea, lo omaggino".

La sintesi proposta dalla mostra, comunque, è efficace e originale, tutt'altro che scontata. E resta aperta al pubblico fino al 25 agosto.