Modena (Fi): "Radio locali hanno avuto meno sostegni, usare fondi Recovery"

·1 minuto per la lettura

"Nel mondo degli aiuti all'editoria, le radio sono sicuramente quelle che hanno avuto meno supporto, perché schiacciate da una parte dalle esigenze dell'emittenza tv e dall'altra dall'editoria in quanto tale". La senatrice Fiammetta Modena (Fi) commenta così l'appello 'Non spegniamo la libertà, accendiamo la radio' lanciato da un gruppo di radio locali.

"Il loro appello è quindi comprensibile - aggiunge - ed è venuto il momento di mettere a sistema i vari strumenti: dal dl sostegni 1, che destina solo un 15 per cento alle radio locali e che quindi non è sufficiente, come giustamente sottolineano le radio nel loro appello, al sostegni 2 che contiene investimenti nel settore editoria, non solo cartacea – di cui però non abbiamo ancora il testo ufficiale".

"Ma soprattutto - conclude - sarà importantissimo fare in modo che le radio locali possano utilizzare i fondi europei del Recovery, come chiedono nell'appello: per la digitalizzazione, per sostenere l'occupazione giovanile e per il riordino di un settore che gode ancora di un pubblico molto ampio".