Modena, rave party: Polizia in tenuta antisommossa per sgombero, durissimo il sindaco

Modena, rave party: Polizia in tenuta antisommossa per sgombero, durissimo il sindaco (foto: Getty Images)
Modena, rave party: Polizia in tenuta antisommossa per sgombero, durissimo il sindaco (foto: Getty Images)

Dopo le parole, i fatti. Il Governo, tramite il ministero dell'Interno, vara la linea dura contro il rave party organizzato in questi giorni a Modena. E infatti, già dall'alba di lunedì 31, sono partite le operazioni di sgombero. Il numero di agenti di Polizia e Carabinieri coinvolti nell'operazione è progressivamente aumentato, incluso quello di coloro che si sono presentati sul luogo in tenuta antisommossa.

GUARDA ANCHE: La strage di Halloween. A Seul oltre 150 morti per la calca

Già nel corso del weekend il neo ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, aveva parlato chiaro. Le sue indicazioni al Prefetto di Modena e al capo della Polizia erano quelle di "adottare, raccordandosi con l'autorità giudiziaria, ogni iniziativa per interrompere l'evento e liberare l'area al più presto". Polemico era stato anche il suo predecessore Matteo Salvini. "Parlamentari Pd difendono i Rave Party illegali e si preoccupano per il ritorno alla legalità", si era lamentato su Twitter il leader della Lega. "Garantire nei tempi più rapidi possibili il ripristino della legalità in quell'area della città, tutelando l'ordine pubblico e l’incolumità di tutte le persone", è stata invece la richiesta del sindaco della città emiliana, Gian Carlo Muzzarelli, eletto proprio con il Pd.

Il rave party era stato organizzato in occasione di Halloween, tanto che nelle intenzioni dei presenti sarebbe dovuto durare fino al 1° novembre incluso. Le polemiche sono però esplose sia per il fracasso dei partecipanti, sia per l'illegalità e la pericolosità dell'iniziativa. L'evento, chiamato dagli organizzatori "Witchtek", è stato segnalato da Polizia e Carabinieri nella serata di sabato 29 ottobre. Migliaia di persone, tra cui molti stranieri, hanno raggiunto un capannone abbandonato a nord di Modena, in via Marino, e per tutta la notte la musica non si è fermata. Almeno in 3.000 si sono accampati nel grande stabile in disuso.

LEGGI ANCHE: Migliaia al rave party di Halloween, paura a Modena: chiuse uscite autostradali

Il 'Corriere della Sera' ha comunque spiegato che la Prefettura di Modena ha stabilito dopo un lungo comitato per l'ordine e la sicurezza di puntare a intervenire in maniera pacifica, pur con lo scopo di interrompere il rave party quanto prima. Pertanto le forze dell'ordine e i partecipanti hanno iniziato un dialogo, quando ancora non erano le 8 del mattino di lunedì. Mano severa, invece, è richiesta dal sindaco Muzzarelli.

GUARDA ANCHE: Francia: scontri con la polizia al rave party illegale, feriti

"In attesa che le autorità preposte valutino le azioni più operative opportune da intraprendere è importante che vengano garantiti i controlli, impedendo ulteriori arrivi di persone. Nel frattempo, ci auguriamo che vengano individuati e denunciati gli organizzatori, responsabili di un'iniziativa che sta creando disagi e danni a tutta la città. A maggior ragione se venisse confermato lo spaccio di sostanze stupefacenti che da più parti viene indicato come elemento caratterizzante questo rave", ha infatti aggiunto il primo cittadino di Modena nella sua nota.