Moldavia pronta per scenari "pessimistici", non vede minacce imminenti di disordini

La presidente moldava Maia Sandu durante una conferenza stampa al palazzo presidenziale di Chisinau

CHISINAU (Reuters) - La Moldavia non ritiene imminente la possibilità che si propaghino disordini dalla guerra in Ucraina, nonostante le "provocazioni" dei separatisti filorussi negli ultimi giorni, ma ha elaborato piani di emergenza per scenari "pessimistici",

Lo ha detto il presidente della ex repubblica sovietica, Maia Sandu.

Nell'ultima settimana sono cresciuti i timori che la Moldavia possa essere coinvolta nel conflitto nella vicina Ucraina, dopo che i separatisti filorussi in una regione periferica hanno segnalato una serie di attacchi ed esplosioni, che hanno attribuito a Kiev.

Sandu e il suo governo filo-occidentale hanno invece dato la colpa degli incidenti nella regione a fazioni separatiste "pro-guerra". Il governo ha denunciato, inoltre, i commenti di un generale russo, secondo il quale uno degli obiettivi di guerra di Mosca sarebbe la presa del territorio ucraino per collegarsi con i separatisti in Moldavia.

Kiev ha accusato Mosca di voler coinvolgere la Moldavia nella guerra. Il Cremlino ha espresso "preoccupazione" per la situazione nella regione separatista della Moldavia, dove la Russia ha radunato centinaia di truppe dalla caduta dell'Unione Sovietica.

Alla domanda se fosse preoccupata di disordini nei prossimi giorni, Sandu ha detto attraverso un interprete: "Non vediamo alcuna minaccia imminente per il prossimo futuro, ma naturalmente abbiamo piani di emergenza per tali scenari, che sono meno ottimistici o pessimistici".

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli