Molestie, Kevin Spacey deve pagare oltre 30 milioni ai produttori di "House of Cards"

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Brian Snyder
REUTERS/Brian Snyder

Kevin Spacey dovrà pagare 31 milioni di dollari ai produttori di "House of Cards" per aver violato le regole di condotta sulle molestie sessuali. 

La sentenza era stata emessa l'anno scorso, ma è diventata pubblica solo lunedì dopo una battaglia legale durata oltre tre anni. Il verdetto dell'arbitrato à stato depositato dalla società di produzione Mrc, presso la Superior Court di Los Angeles.

GUARDA ANCHE: Kevin Spacey: ottiene il primo ruolo cinematografico dopo le accuse di violenza sessuale

L'attore, che vestiva i panni del presidente Frank Underwood, era stato estromesso dalla serie dopo le accuse di molestie nei confronti di giovani uomini.

Lo studio Mrc ha fatto causa per aver subito danni per via della condotta dell'attore di "American Beauty", tra cui la necessità di fermare la sesta stagione di "House of cards", riscrivere la sceneggiatura e accorciarla dai tredici episodi previsti a otto per andare incontro alle scadenze di programmazione.

GUARDA ANCHE: Caso Weinstein: ecco le vittime

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli