Molestie sul lavoro, ne è vittima una donna su due

(Adnkronos) - Molestie, apprezzamenti inadeguati, battutine pretestuose, discriminazioni e condizioni sfavorevoli di crescita lavorativa, fino ad arrivare ai ricatti sessuali. Questo è quanto denunciato da 4.300 donne coinvolte nello studio di Fondazione Libellula. La situazione che emerge dal Report è allarmante: più di una donna su 2 (il 55%) si è dichiarata vittima di violenza.

In molti contesti la genitorialità è percepita in modo negativo e il 41% delle donne non è serena nel comunicare al proprio datore di lavoro di essere incinta. In caso di maternità, 68% ha visto rallentare il proprio percorso di crescita e il 65% ha sentito allusioni e commenti negativi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli