Mollicone: "Abbinata proposta FdI su commissione fake news"

Pol/Vlm

Roma, 5 feb. (askanews) - "La commissione Cultura ha abbinato le proposte di maggioranza e opposizione per la costituzione di una commissione d'inchiesta per la diffusione di fake news sul web - dichiara il responsabile Innovazione di FDI e capogruppo in commissione Cultura, deputato Federico Mollicone - FdI ha presentato una propria proposta in cui si richiede di valutare una definizione corretta di "notizia falsa" e chiarire il nesso tra tale fenomeno e l'azione ostile di Stati stranieri o di organizzazioni criminali o terroristiche, sia direttamente che tramite soggetti terzi. Con l'alibi delle fake news non vorremmo si istituisca la psicopolizia orwelliana contro la libertà d'espressione. In particolare, allo scopo di tutelare il pluralismo dell'informazione e la libertà di espressione, di stampa e di opinione, si ritiene indispensabile verificare la conformità della regolamentazione adottata dalle piattaforme digitali e delle reti sociali telematiche alla normativa vigente in tali materie".

"Tale iniziativa trova il suo fondamento in discutibili scelte concernenti la cancellazione, spesso arbitraria, di alcuni profili o contenuti, anche di tipo giornalistico, da parte delle principali società proprietarie delle citate piattaforme o reti che, giustificando il loro operato con la lotta al cosidetto 'hate speech', assumono decisioni indipendentemente da qualunque intervento delle competenti autorità giudiziarie o degli organi degli ordini professionali deputati a garantire il rispetto delle regole deontologiche. La commissione assumerà, se istituita, un delicato ruolo di regolamentazione non solo dei contenuti sul web ma soprattutto uno strumento per l'affermazione della sovranità digitale contro le "nazioni" digitali, come Facebook e le altre piattaforme online, che impongono proprie regole - come le condizioni d'uso nelle iscrizioni - senza curarsi delle norme costituzionali."