Mollicone (Fdi): Franceschini mostri discontinuità con Bonisoli

Luc

Roma, 11 set. (askanews) - "Franceschini ritirerà i decreti attuativi della riforma dell'amministrazione del Mibac voluta da Bonisoli. Fratelli d'Italia fu l'unica forza politica a contrastare questa assurda concentrazione di potere verso la segreteria generale, non a caso voluta proprio dal segretario generale Panebianco e di cui Bonisoli è stato mero esecutore. Franceschini mostri discontinuità con l'azione di Bonisoli ma anche con le politiche da lui attuate durante la sua precedente guida del ministero di Via del Collegio Romano. La cultura è, e dovrà continuare a essere, essere il futuro della Nazione e ci batteremo affinchè la valorizzazione dei musei, la riforma del Fondo Unico dello Spettacolo, il rilancio dei consumi culturali tramite la detrazione fiscale, l'estensione dell'Art Bonus in maniera orizzontale, la ricostituzione dei corpi di ballo, il riordino del settore del cinema e dell'audiovisivo diventino realtà". E' quanto dichiara il deputato FDI capogruppo in commissione Cultura e responsabile Cultura del partito, Federico Mollicone, durante la partecipazione all'evento di celebrazione dei 150 anni dell'Associazione Italiana Editori (Aie), oggi all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

"Invitiamo la maggioranza all'approvazione nel più breve tempo possibile della legge per la promozione della lettura, aumentando inoltre i fondi a disposizione, che, seppur nata da un impulso del Partito Democratico ha avuto un consenso ampio, sia nella fase di formazione che durante le votazioni in aula. FDI ha contribuito attivamente e in maniera determinante, inserendo nel testo di legge numerose proposte per la diffusione degli autori italiani, la costituzione di un nuovo circuito culturale e l'istituzione del marchio di qualità", conclude Mollicone.