Monaco di Baviera, bimba italiana di 7 anni muore colpita da una statua di marmo

Monaco di Baviera, bimba italiana di 7 anni muore colpita da una statua di marmo (Foto Facebook)
Monaco di Baviera, bimba italiana di 7 anni muore colpita da una statua di marmo (Foto Facebook)

A soli 7 anni una bimba italiana in vacanza a Monaco di Baviera è morta dopo essere stata colpita da una statua di marmo.

VIDEO - Un aereo turistico si schianta in autostrada. È incredibile, nessun ferito

Tragico incidente a Monaco di Baviera, dove la piccola Lavinia ha perso la vita in una tremenda fatalità. La bambina è rimasta schiacciata sotto una statua di marmo, nel giardino dell'hotel in cui soggiornava insieme ai suoi genitori, Michele Trematerra e Valentina Poggi, originari di Napoli. Il Comune di Ponza su Facebook ha espresso il suo messaggio di cordoglio alla famiglia della giovane vittima. "Il sindaco, a nome di tutta l'amministrazione comunale, si stringe al dolore della famiglia Trematerra e Poggi per la scomparsa improvvisa e tragica della piccola Lavinia", si legge sul social.

LEGGI ANCHE: Gran Sasso, tre escursionisti colpiti da un fulmine: è il secondo caso in due giorni

Dalle prime ricostruzioni rese note finora, pare che la statua non fosse fissata al suolo. Per via del suo peso significativo, si pensava sarebbe stato impossibile spostare la statua dal terreno. Si indaga per fare luce sull'accaduto. Restano infatti da chiarire ulteriori dettagli per ricostruire quanto successo.

LEGGI ANCHE: Incidente di Roseto degli Abruzzi: arrestato l'investitore di Flavia

Presente al momento dell'incidente il padre della bambina, che ha assistito alla scena senza poter fare nulla per salvare la sua Lavinia. Per la piccola e i suoi genitori quello sarebbe dovuto essere un momento di divertimento, trasformato in un incubo. La bimba stava giocando nel cortile dell'albergo quando all'improvviso la statua avrebbe perso l'equilibro e colpito Lavinia.

"Sei e sarai sempre il nostro Angelo. Rip in pace Amore della nostra vita", ha scritto sul suo profilo Facebook la mamma della vittima.