Mondiali in Giappone: il rugby dice "No" ai tatuaggi

Su consiglio delle autorità del Giappone, dove dal 20 settembre si svolge la Coppa del Mondo di rugby, i giocatori dovranno "coprire" i loro tatuaggi, che laggiù sono associati alla criminalità e alla Yakuza. A rischio anche i visitatori stranieri, a cui è consigliato di nascondere i tatoo.