Mondiali Qatar, Parlamento Ue chiede a Fifa aiuto per famiglie lavoratori morti

I lavori di costruzione dello Stadio Internazionale Khalifa, a Doha, in Qatar, 26 marzo 2016.

BRUXELLES (Reuters) - Il Parlamento europeo ha votato a favore di una risoluzione che chiede alla Fifa di contribuire a risarcire le famiglie dei lavoratori migranti deceduti e di quelli che hanno subito violazioni dei diritti durante i preparativi per i Mondiali di calcio 2022.

I deputati hanno inoltre esortato le autorità del Qatar a condurre un'indagine approfondita sulle violazioni dei diritti umani avvenute nel periodo precedente la competizione.

La risoluzione ha anche deplorato le notizie di abusi nei confronti della comunità Lgbtq+ in Qatar e ha chiesto al Paese di depenalizzare le relazioni tra persone dello stesso sesso.

Alcuni eurodeputati indossavano le fasce "OneLove", in sostegno alla comunità Lgbtq+, che i capitani di sette squadre europee hanno rinunciato a indossare durante i Mondiali a seguito delle pressioni Fifa.

Il governo del Qatar non ha risposto alla richiesta di commento di Reuters.

Da quando la Fifa ha assegnato i Mondiali di calcio al Qatar nel 2010, il Paese ha modificato alcune leggi sul lavoro e, prima della Coppa del Mondo, gli organizzatori hanno ripetutamente affermato che tutti erano i benvenuti, anche se secondo Human Rights Watch persone Lgbt sono state arrestate nel periodo precedente all'evento.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Francesca Piscioneri)