• L'incendio vicino a Chernobyl ancora non è spento
    Notizie
    Adnkronos

    L'incendio vicino a Chernobyl ancora non è spento

    Gli oltre 300 pompieri intervenuti per domare l'incendio divampato sabato nella Zona di esclusione della centrale nucleare di Chernobyl non sono ancora riusciti a domare le fiamme. Un inverno particolarmente secco, senza neve e pioggia, e i forti venti hanno ostacolato il loro lavoro in questi giorni.  Le autorità, che nei giorni scorsi hanno via via aumentato, fino a raddoppiarlo, il numero dei vigili del fuoco dispiegati, dall'inizio della settimana non precisano quanto sia estesa la zona ancora interessata dalle fiamme, e neanche il livello di radioattività misurato localmente.  L'agenzia per le emergenze si limita ad assicurare che i livelli sono accettabili. Ed è l'unica comunicazione dopo che lo scorso fine settimana un funzionario del ministero dell'ambiente, Egor Firsov, aveva denunciato un picco di radioattività pari a 16 volte il normale.

  • Coronavirus, Fauci: probabile bilancio morti Usa si fermi a 60mila
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, Fauci: probabile bilancio morti Usa si fermi a 60mila

    L'immunologo: il distanziamento fisico funziona, non smettere ora

  • Coronavirus, in Olanda quasi 2400 morti
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, in Olanda quasi 2400 morti

    E' salito a 2.396 il numero delle persone che sono morte dopo aver contratto il coronavirus in Olanda, 148 nelle ultime 24 ore. Lo rendono noto le autorità sanitarie olandesi, spiegando che 1.213 persone si sono ammalate in un giorno, portando così a 21.762 il totale dei contagiati. Tra questi, 1.424 sono ricoverati in terapia intensiva. Sono invece 250 le persone guarite, tra cui una donna di 107 anni. Finora le autorità sanitarie olandesi hanno condotto 101.534 test per verificare l'eventuale contagio.

  • Corononavirus, in Svizzera risalgono contagi e vittime: quasi 1000 morti
    Salute
    Adnkronos

    Corononavirus, in Svizzera risalgono contagi e vittime: quasi 1000 morti

    Riprende a salire fortemente il numero di nuovi casi di Covid-19 confermati in Svizzera: 785 in più in 24 ore, per un totale di 23.574. Lo indica il bilancio quotidiano pubblicato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). I nuovi morti sono 71, mentre il totale si avvicina a mille. Negli ultimi tre giorni, il numero di nuovi casi si era stabilizzato a meno di 600. Secondo l'Ufsp, la Svizzera continua ad avere uno dei più alti tassi di nuove infezioni in Europa, con un'incidenza di 275 casi per 100.000 abitanti. Il numero di decessi legati alla malattia si avvicina sempre più alle 1000 unità: a mezzogiorno, secondo calcoli dell'agenzia Keystone-ATS basati sui dati disponibili sui siti cantonali, il numero di morti è salito di 71 unità a quota 913 nell'arco di 24 ore. L'Ufsp ha invece fissato il numero complessivo a 756, ma fa riferimento alle segnalazioni ricevute dai cantoni entro stamane. A livello cantonale il Ticino continua ad essere il più colpito, con 2.714 casi e 219 decessi. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati segnalati 55 nuovi casi e otto persone hanno perso la vita a causa del virus. Seguono Ginevra, Vaud e Basilea Città. Nei Grigioni si registra un nuovo decesso, ciò che porta il totale a 35. Sono invece 12 i nuovi contagi accertati, per un totale che passa da 668 a 680. Finora più di 178.500 persone sono state sottoposte in Svizzera al test e il 15% sono risultate positive. Secondo a calcoli del Politecnico federale di Zurigo, le misure ordinate dal Consiglio federale sembrano comunque avere un effetto. Una persona infettata lo trasmette in media solo un'altra invece di due o tre. L'aumento dei casi è quindi lineare e non più esponenziale. L'età dei casi confermati in laboratorio varia da 0 a 107 anni, con una media di 52. Il 47% dei casi è di sesso maschile, mentre il 53% femminile. Malgrado ciò gli uomini mostrano una maggiore vulnerabilità al virus e rappresentano quasi due terzi (63%) dei decessi, contro il 37% tra le donne. L'età di coloro che sono morti varia dai 31 ai 101 anni, con un'età media di 83 anni. Dei 729 morti per i quali i dati sono completi, il 98% aveva almeno una malattia preesistente. Le patologie citate più frequentemente sono l'ipertensione arteriosa (52%), le malattie cardiovascolari (31%) e il diabete (23%). Tra i ricoverati, i tre sintomi citati più frequentemente erano febbre (67%), tosse (65%) e problemi respiratori (40%). Il 44% dei casi aveva la polmonite.

  • Coronavirus, per Juncker "irresponsabile" atteggiamento Olanda
    Politica
    Adnkronos

    Coronavirus, per Juncker "irresponsabile" atteggiamento Olanda

    L'atteggiamento dell'Olanda, che sta bloccando una risposta comune europea all'emergenza coronavirus con il suo 'no' ai coronabond e la sua insistenza per condizioni stringenti in caso di ricorso al Mes, "è irresponsabile". La dura presa di posizione è arrivata dall'ex presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, in un'intervista al quotidiano francese Liberation a poche ore dalla nuova riunione dell'Eurogruppo, dopo il fallimento di quella di martedì.  Bloccare l'utilizzo del Meccanismo europeo di stabilità "perché si tiene in maniera ostinata, ideologica e religiosa alla messa in atto di una condizionalità severa è irresponsabile", attacca Juncker, secondo il quale l'inflessibilità olandese è tanto più incomprensibile, dal momento che "il Mes non sarà sufficiente" a rilanciare le economie europee. Rilancio per il quale sono invece necessari i coronabond. "Nel dicembre del 2010 - ricorda l'ex presidente della Commissione Ue - in qualità di presidente dell'Eurogruppo, avevo proposto la creazione di eurobond in modo che tutti i membri dell'eurozona beneficiassero dello stesso tasso di interesse. Ma c'è una differenza con i 'coronabond': non si tratta di mutualizzare i debiti nazionali pregressi, un'idea contro la quale si è levata mezz'Europa, ma di mutualizzare il debito che si farà dopo l'attuazione di misure di bilancio necessarie per rispondere alla crisi del coronavirus". Secondo quanto spiega Juncker, "si tratta di organizzare in maniera solidale questo finanziamento della crisi attuale mettendo insieme diversi strumenti: Bei, Mes, bilancio europeo e infine coronabond". "Il discorso dell'Olanda - continua - consiste nel dire che non si deve pagare per i debiti degli altri: ma non si tratta di pagare per i debiti del passato, ma di organizzare il finanziamento futuro dei costi della crisi". Quanto poi alle parole pronunciate nei giorni scorsi dal ministro delle Finanze dell'Aja, Wopke Hoekstra, che aveva sollecitato "un'inchiesta sui soldi spesi dai Paesi del sud Europa", l'ex presidente dell'esecutivo di Bruxelles le definisce "curiose, sbagliate e scandalose".  Juncker commenta poi l'allarme pronunciato nei giorni scorsi dal suo predecessore, Jacques Delors, sul "rischio mortale" che sta correndo l'Ue: esiste "il rischio che i Paesi del sud si rivoltino contro il progetto europeo se l'Unione non saprà reagire con lo slancio di solidarietà che serve".

  • Coronavirus, WB: prima recessione in 25 anni Africa sub-sahariana
    Salute
    Askanews

    Coronavirus, WB: prima recessione in 25 anni Africa sub-sahariana

    Con perdite fino a 79 mld Usd; timore di crisi sicurezza alimentare

  • Coronavirus, aiuti da Egitto: "Fiducia in capacità Italia sconfiggere epidemia"
    Politica
    Adnkronos

    Coronavirus, aiuti da Egitto: "Fiducia in capacità Italia sconfiggere epidemia"

    ''L'ambasciatore egiziano in Italia, Hisham Badr, a nome del popolo egiziano esprime la sua sincera commozione per le espressioni di amicizia e ringraziamento che sono state espresse dal governo e dal popolo italiano rappresentato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio all'arrivo del carico egiziano di dispositivi medici sabato scorso 4 aprile 2020''. E' quanto si legge in una nota dell'ambasciata del Cairo a Roma. ''Il governo egiziano guidato dal presidente Abdel Fattah al Sisi, a seguito della telefonata intercorsa con il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte il giorno 3 aprile 2020, aveva infatti già stabilito di inviare in Italia due aerei militari da carico appartenenti alle Forze Armate egiziane che consegnassero i dispositivi medici più necessari all'Italia per aiutare e supportare i comprensivi sforzi del governo italiano a superare questa crisi, aiutando a mitigare gli effetti di questa pandemia per la popolazione italiana amica'', prosegue il testo. Il carico è stato consegnato da Hala Zayed, ministro egiziano della Salute e della Popolazione, che ha definito ''il nostro gesto un messaggio all’Italia, che possa superare questo momento difficile il prima possibile. Noi siamo fiduciosi nella capacità del popolo e del governo italiano di sconfiggere questa epidemia e tornare il più presto alla vita normale''. Nel dettaglio, tra gli aiuti ''mascherine facciali, tute protettive, così come tonnellate di materiali sanitari chimici prodotti in Egitto'', spiega la nota. ''Questo carico è un messaggio di solidarietà e amicizia, come ha detto il presidente al Sisi al presidente del Consiglio Conte durante la telefonata di venerdì scorso'', ricordando che al Sisi ha espresso le sue condoglianze e la sua solidarietà al governo e al popolo italiano. ''L'Egitto ha tradotto questa solidarietà essendo disponibile a fornire qualsiasi aiuto che viene richiesto dall’Italia. Questo è anche un messaggio di amicizia tra il popolo egiziano e quello italiano che sono stati sempre vicini non solo geograficamente perché si affacciano sulle sponde del Mediterraneo, ma perché sono stati sempre vicini con i cuori. Il popolo egiziano non ha mai dimenticato che il popolo italiano è stato sempre vicino e solidale con l’Egitto, per questo oggi è compito dell’Egitto essere vicino all’Italia in questo momento di crisi'', ha detto l'amnasciatore egiziano in Italia.

  • Coronavirus, Onu difende Oms: "No a critiche, ora è il momento dell'unità"
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, Onu difende Oms: "No a critiche, ora è il momento dell'unità"

    Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, scende in campo a difesa dell'organizzazione mondiale della sanità, oggetto di critiche per la gestione della pandemia da coronavirus, non ultime quelle del presidente Usa Donald Trump, che ha accusato l'Oms di essersi piegata agli interessi della Cina.  Guterres, in una dichiarazione pubblicata online, elogia il "coraggio e la determinazione" del personale dell'Oms e si dice convinto che l'Organizzazione vada "sostenuta, poiché è assolutamente cruciale per gli sforzi mondiali per vincere la guerra contro il Covid-19".  Non è questo il momento per le analisi retroattive, dice ancora Guterres, "questo il momento dell'unità, il momento che la comunità internazionale operi insieme in solidarietà per fermare il virus e le sue conseguenze devastanti".  Oms: "Avvertiti tutti i Paesi il 5 gennaio"

  • Coronavirus, premier Johnson "in grado di prendere decisioni"
    Politica
    Askanews

    Coronavirus, premier Johnson "in grado di prendere decisioni"

    Secondo ex ministro Difesa è "contattabile" da squadra governo

  • Un cartello per stare vicino alla moglie malata in ospedale
    Salute
    notizie.it

    Un cartello per stare vicino alla moglie malata in ospedale

    Le restrizioni per il coronavirus impediscono all'uomo di stare con la moglie, ricoverata in ospedale: il cartello per starle vicino.

  • Coronavirus, Israele revoca il coprifuoco
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, Israele revoca il coprifuoco

    Gli israeliani da stamattina alle 7 hanno potuto lasciare nuovamente le proprie abitazioni dopo che è stato revocato il coprifuoco obbligatorio, imposto per l'inizio delle festività della Pasqua ebraica. Il divieto era stato imposto a partire dalle 15 di ieri. Tuttavia, le misure restrittive sulla libertà di movimento rimangono in vigore, col divieto di spostarsi da una località all'altra fino a venerdì mattina. I trasporti pubblici rimarranno fermi fino a domenica mattina e i voli potranno operare solamente su autorizzazione del governo. Le misure restrittive sono state introdotte per evitare che le persone, come è tradizione, si riunissero per festeggiare l'inizio di Pesach, col rischio di una diffusione dei contagi da coronavirus. Secondo i dati aggiornati ad oggi, in Israele sono stati registrati oltre 9.750 casi di contagio e 79 decessi.

  • Coronavirus, su 157 solo 7 Paesi al mondo non sono in lockdown
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, su 157 solo 7 Paesi al mondo non sono in lockdown

    O le misure, come in Mongolia, sono già state superate

  • Coronavirus, in Usa almeno 432.438 casi e 14.808 morti
    Dal mondo
    Askanews

    Coronavirus, in Usa almeno 432.438 casi e 14.808 morti

    Secondo l'aggregatore di dati della Johns Hopkins University

  • Coronavirus Spagna, altri 683 morti: in totale sono 15.238
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus Spagna, altri 683 morti: in totale sono 15.238

    In Spagna si registra un calo nella curva delle vittime causate dal coronavirus. Lo riporta il ministero della Sanità spagnolo, che parla di 683 morti nelle ultime 24 ore per un totale di 15.238 vittime. Mentre sale a 152.446 il totale delle persone contagiate con un aumento di 5.756 nelle ultime 24 ore. 52.165 le persone guarite.

  • Coronavirus, Parigi: "Siamo ancora nel cuore della crisi"
    Salute
    Adnkronos

    Coronavirus, Parigi: "Siamo ancora nel cuore della crisi"

    La Francia è ancora al culmine della pandemia da Coronavirus. A chiarirlo, sottolineando che la crisi "non è alle nostre spalle" malgrado la flessione nel numero di ricoveri in rianimazione è stata la portavoce del governo di Parigi, Sibeth Ndiaye. Emmanuel Macron, che si rivolgerà questa sera alla nazione "ricorderà le sfide della crisi che stiamo vivendo e che non è alle nostre spalle", ha dichiarato intervenendo su FranceInfo. "E' una cosa che bisogna dire con molta forza perché anche se il numero degli ingressi in rianimazione rallenta, il che testimonia forse una frenata nella diffusione della malattia, siamo ancora nel cuore di questa epidemia". L'ultimo bilancio fornito dal ministero della Sanità di Parigi parlava di 10869 morti e circa 82mila casi confermati.

  • Coronavirus, in Iran oltre 4100 morti e 66200 contagi
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, in Iran oltre 4100 morti e 66200 contagi

    Sono 117 le persone che nelle ultime 24 ore hanno perso la vita a causa del Covid-19 in Iran, dove il numero dei decessi ha raggiunto quota 4.110. Lo riferisce il ministero della Sanità di Teheran. E' salito invece a 66.220 il totale dei contagiati, con 1.624 nuovi casi in un giorno. Tra i contagiati, 3.918 versano in gravi condizioni. Ad aver sconfitto il coronavirus sono invece 32.309 persone, dimesse dagli ospedali iraniani. Sono finora 231.393 i test condotti in Iran per verificare un eventuale contagio da Covid-19.

  • Coronavirus, giornale tedesco: “La mafia vuole i soldi dell’Europa”
    Politica
    notizie.it

    Coronavirus, giornale tedesco: “La mafia vuole i soldi dell’Europa”

    Per un giornale tedesco Die Welt, sarebbe la mafia italiana a volere fondi senza controllo per l'emergenza coronavirus.

  • Coronavirus, Sanchez: Ue in pericolo senza solidarietà, no austerità
    Politica
    Askanews

    Coronavirus, Sanchez: Ue in pericolo senza solidarietà, no austerità

    "Servono misure a sostegno dell'indebitamento pubblico"

  • Coronavirus, Di Maio su articolo Die Welt: non è partita tra 2 Paesi
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, Di Maio su articolo Die Welt: non è partita tra 2 Paesi

    "Non è l'Italia ma popolo europeo a chiedere messaggio di unità"

  • Coronavirus, in Giappone oltre 5 mila casi
    Salute
    Adnkronos

    Coronavirus, in Giappone oltre 5 mila casi

    Sono più di cinquemila le persone contagiate dal Covid-19 in Giappone, dove da due giorni è in vigore lo stato di emergenza. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Tokyo, che parla di 5.002 casi confermati. Sono invece 116 le persone che hanno perso la vita in Giappone dopo aver contratto l'infezione. I dati forniti dal ministero della Sanità giapponese comprendono anche le infezioni contratte a bordo della nave da crociera Diamond Princess metta in quarantena a Yokohama, vicino a Tokyo. Dei 5.002 casi confermati la maggior parte, ovvero 1.338, si è registrata nella prefettura di Tokyo.

  • Coronavirus, Johnson "sta meglio, chiacchiera con sanitari"
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, Johnson "sta meglio, chiacchiera con sanitari"

    Lo dice ministro Cultura Gb a Bbc

  • Coronavirus, Sanchez: "Essenziale" la proroga di stato d'emergenza
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, Sanchez: "Essenziale" la proroga di stato d'emergenza

    Premier in parlamento: "Sta funzionando, dati incoraggianti"

  • Coronavirus, in Russia oltre 10mila contagi: quasi 1.500 in un giorno
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, in Russia oltre 10mila contagi: quasi 1.500 in un giorno

    Sono più di diecimila le persone che hanno contratto il Covid-19 in Russia. Lo riferisce il centro di crisi di Mosca contro il coronavirus, aggiornando a 10.131 il numero dei contagi. Nelle ultime 24 ore sono 1.459 i nuovi casi. Sono invece 76 le persone che hanno perso la vita dopo aver contratto il coronavirus, 13 nelle ultime 24 ore. Sono 698 i guariti in tutto, 118 in un giorno.

  • Di Maio: "Die Welt vergognoso, Berlino prenda distanze"
    Politica
    Adnkronos

    Di Maio: "Die Welt vergognoso, Berlino prenda distanze"

    Quella di Die Welt è "una affermazione vergognosa e inaccettabile" e "spero che il governo tedesco prenda le distanze". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio replica ad un articolo del quotidiano tedesco che oggi scrive che "la mafia aspetta i soldi della Ue". Mentre l'Italia è impegnata in una trattativa a livello europeo per ottenere le risorse necessarie alla ripartenza "non voglio fare polemiche", dice Di Maio ospite di Unomattina, sottolineando però che "noi ora stiamo piangendo le vittime del coronavirus, e allo stesso tempo l'Italia ha pianto e piange le vittime della mafia". "Se c'è una trattativa in Europa in questo momento, questa trattativa è importante perché lì si sta decidendo se l'Italia possa spendere tutti i soldi che servono per aiutare giovani e meno giovani", ha aggiunto. "Noi non vogliamo che gli altri Paesi paghino i nostri debiti - ha sottolineato il titolare della Farnesina - L'Italia ha sempre pagato i propri debiti. Noi vogliamo solo creare le condizioni di mercato affinché si possano spendere tutti i soldi che servono in infrastrutture, quindi in lavoro, innovazione tecnologica".

  • Coronavirus, in Russia oltre 10mila casi confermati
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, in Russia oltre 10mila casi confermati

    Altri 1.459 casi in 24 ore, bilancio morti sale a 76