Mondo Rai /Appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com

Nel momento in cui si deve restare a casa, può essere di sollievo ricordare le tante bellezze nazionali, che oggi non si possono visitare. Come la Firenze raccontata da Alberto Angela nel suo ciclo di viaggi in Italia che Rai1 ripropone mercoledì 1 aprile, alle 21.20. Di notte, senza le folle dei turisti, si avrà il privilegio di scoprire una delle città più visitate e ammirate del mondo, restando a tu per tu con i suoi capolavori. E, finalmente le opere d’arte potranno parlare e raccontare i segreti di una bellezza che incanta da secoli: così, il Davide di Michelangelo, la Primavera di Botticelli e molti altri antichi capolavori prenderanno vita sotto gli occhi degli spettatori. Una grande produzione, arricchita da ospiti d’eccezione come Andrea Bocelli, Giusi Buscemi, Giancarlo Giannini e un omaggio all’astrofisico professor Giovanni Bignami. Muovendosi in una Firenze notturna, e quindi ancora più suggestiva, Angela porterà il pubblico dentro gli Uffizi, gli farà scoprire monumenti famosi come la cupola del Brunelleschi, il campanile di Giotto, i capolavori del Rinascimento, ma anche le tracce dei piccoli orfani cresciuti nello Spedale degli Innocenti, le antiche armi e le corazze, i sontuosi vestiti e i gioielli di corte. E ricorrendo perfino alle tecniche della polizia scientifica - quasi in un moderno CSI - Alberto Angela riuscirà a far rivivere la Firenze dei Medici in una luce nuova. “Stanotte a Firenze” è un programma di Alberto Angela, scritto con Aldo Piro, Etra Palazzi e con Carlotta Ercolino, Paola Miletich, Vito Lamberti, Emilio Quinto.Realizzato interamente da professionalità Rai. La regia è di Gabriele Cipollitti. 

Una commedia noir “a base di caglio” firmata dal regista Edoardo De Angelis (Indivisibili, Il vizio della speranza): è “Mozzarella stories” che Rai2 propone mercoledì 1 aprile alle 23.25. Nel cast Luisa Ranieri, Massimiliano Gallo e Gianpaolo Fabrizio. Nel regno delle mozzarelle, Ciccio DOP è il signore assoluto di un candido impero in cui lui è il "casaro", ovvero il produttore di formaggio più importante. Dopo anni di dominio incontrastato, Ciccio DOP si trova ad affrontare una crisi senza precedenti che lo vede precipitare in una guerra di mercato contro misteriosi imprenditori cinesi. 

Ha solo 16 anni, è una bella ragazza ed è scomparsa da più di un mese da un piccolo centro della provincia di Matera. I genitori preoccupati si sono rivolti al programma di Federica Sciarelli e fanno un appello per farla tornare a casa. Potrebbe essere in pericolo. Sarà uno dei casi al centro della puntata di “Chi l’ha visto?, in onda mercoledì 1 aprile alle 21.20 su Rai3. La trasmissione prosegue con l’inchiesta sull’ospedale di Alzano Lombardo e la scelta scellerata di non chiudere la struttura.  

Per il ciclo cinematografico “Thriller in Europe”, dedicato alle più interessanti novità del genere dal continente europeo, mercoledì 1° aprile alle 21.20 andrà in onda su Rai4 il film in prima visione assoluta “La truffa del secolo”. Una recente produzione francese, ispirata da un caso di cronaca, ma costruita secondo le regole classiche del noir transalpino. Diretto dal maestro del genere Oliver Marchal e interpretato da Benoît Magimel e Gerard Depardieu, il film racconta la discesa agli inferi della violenza di un imprenditore che cerca di truffare lo Stato attraverso una rete di società fittizie ma finisce travolto dagli intrighi dei suoi soci criminali. 

Dagli orsi bruni nei fiumi dell'Alaska ai gorilla di montagna dell'Uganda, il fotografo naturalista Art Wolfe dà la caccia all'immagine perfetta nel nuovo episodio della serie “Racconti di luce”, in onda mercoledì 1 aprile alle 15.00 su Rai5. Unendo esplorazione, fotografia e mondo naturale, la serie segue un gruppo di talentuosi fotografi australiani e nordamericani che si spingono ai limiti del loro mestiere.  

Mezzo secolo di storie e di vite che si legano a quella di Hitler raccontato attraverso diari, lettere e discorsi e testimonianze dell’epoca, materiali d’archivio composti per metà da fonti inedite. È la serie “Cronache di Hitler”, in onda da mercoledì 1 aprile alle 22.10 su Rai Storia. La storia di Adolf Hitler si intreccia a quella della società austriaca e tedesca, ma anche alla vita in Europa tra il 1889 e il 1945. Un’accurata raccolta di filmati la raccontano, per la prima volta con immagini “vere”, dalla nascita alla caduta. Nella prima puntata, obiettivo sui primi passi di un giovane Hitler, in un arco di tempo che copre il periodo che va dal 1889 al 1929: dalla dura infanzia in Austria al trasferimento a Monaco, dall’arruolamento volontario alla modernizzazione del Nsdap, Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori, nel quale si era introdotto come informatore della polizia, dall’ammirazione per Mussolini e per la sua Marcia su Roma, alla scrittura del “Mein Kampf”. 

L’energia di Jo Squillo e la simpatia dei The Jackal contageranno “I Fatti Vostri”, mercoledì 1 aprile su Rai2 a partire dalle 11. Ciro Priello e Fabio Balsamo, attori comici e youtuber meglio conosciuti come The Jackal, racconteranno la loro nuova vita a casa, con l'ironia di sempre. Giancarlo Magalli intervisterà poi Jo Squillo, cantante e conduttrice televisiva, che in questi giorni sta portano avanti un’iniziativa di grande successo, vero e proprio antidoto alla solitudine: “Jo in the house”, una discoteca virtuale, in diretta streaming da casa sua. Un deejay set "in quarantena" che ogni giorno conquista e fa ballare su Instagram migliaia di utenti, tra cui molti follower famosi. 

Una pietra miliare della filmografia rock dedicata al leggendario gruppo The Who. È il documentario “The Who – The Kids Are Alright”, che Rai Cultura propone in versione restaurata e rimasterizzata mercoledì 1 aprile alle 23.05 su Rai5. Distribuito in Italia nel 1979 con il titolo “Uragano Who”, il film ripercorre la rocambolesca epopea del gruppo musicale inglese attraverso le migliori performance dal vivo, video promozionali, interviste e siparietti in talk show televisivi registrati tra il 1965 e il 1978. L’obiettivo del regista Jeff Stein non fu quello di girare un documentario lineare e cronologico sulla storia del gruppo, ma "una vera e propria pellicola rock" che fosse in grado di trasmettere l'energia della band dentro e fuori il palco. Alle esibizioni sono inframezzate interviste ai membri del gruppo, descrizioni del rapporto scherzoso e conflittuale di Pete Townshend con fan, ammiratori e critici, e lo stile di vita selvaggio di Keith Moon. Il film è una perla imprescindibile che, tra le varie esibizioni, include anche l'ultima performance del compianto batterista Keith Moon, che ha segnato l'inesorabile disfacimento della band. 

Per il ciclo “Orgoglio italiano – Tutto il meglio del nostro cinema” mercoledì 1° aprile, alle 21.20 RaiMovie propone Mine Vaganti, l’amatissimo film corale di Ferzan Özpetek ambientato nella lucente terra salentina. Tale la forza del film che l’omonimo adattamento teatrale, messo in scena da Özpetek stesso, ha fatto registrare il tutto esaurito. Vincenzo e Stefania attendono il ritorno del figlio Tommaso coltivando il desiderio di una sua ascesa alla gestione del pastificio di famiglia. Anche il resto della famiglia lo attende entusiasta, ma i progetti del giovane sono diversi da quelli immaginati da genitori e parenti. Riccardo Scamarcio, Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo, Elena Sofia Ricci, Ilaria Occhini, Lunetta Savino, Ennio Fantastichini, Carolina Crescentini e Daniele Pecci sono i volti di un film pieno di ironia, calore e comicità. Memorabile, come in tutti i film del regista, la colonna sonora che include brani di Patty Pravo, Nina Zilli e Pink Martini.