** Mondo Rai/appuntamenti e novità **

·3 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 giu. (Adnkronos) – Torna, domani alle 21.20 su Rai1, la serie “Doc – Nelle tue mani” con Luca Argentero nei panni di Andrea Fanti, un giovane e brillante primario di Medicina Interna che perde la memoria dopo che un paziente ha cercato di ucciderlo. Andrea torna in reparto come aiutante degli specializzandi, che fino a poche settimane prima erano terrorizzati da lui e che faticano ad abituarsi all’inaspettato rovesciamento dei ruoli. Mentre cerca di riconquistare l’ex moglie, la collaborazione con Giulia sul caso di un giovane manager si rivelerà ostica e ricca di sorprese. L’arrivo di un malato particolarmente importante per Giulia esaspera la competizione fra gli specializzandi e Andrea ha l’occasione di iniziare a conoscerli veramente. Nel frattempo, coinvolge il reparto nella ricerca della password della sua mail che potrebbe aiutarlo a ricostruire una parte fondamentale del suo passato, ma che qualcuno vuole nascondergli a tutti i costi.

Ultimo appuntamento di questa stagione, domani alle 21.20 su Rai3, de ‘Le Ragazze’: sullo sfondo della storia del nostro Paese, si avvicenderanno e si intrecceranno le storie delle ventenni di ieri, raccontate in prima persona dalle protagoniste di quegli anni con l’ausilio di foto personali e dello straordinario materiale d’archivio delle Teche Rai. Ad aprire l’ultima puntata la ragazza degli anni ‘40 sarà una vera forza della natura: la scultrice Leonetta Marcotulli, una donna dalle molte vite, come i gatti che scolpisce. Tra Roma e Caracas, Leonetta è stata la prima donna alla fine degli anni Cinquanta a volare a bordo di un aliante e a occupare il primo posto della categoria femminile come pilota di rally. Le sue opere sono state esposte in Italia, negli Stati Uniti e in diversi paesi dell’America Latina. Dopo di lei seguiranno due Ragazze diversissime l’una dall’altra, ma entrambe accomunate dall’essere state ventenni negli anni ‘70, il decennio che più di tutti ha rappresentato l’inizio di una stagione di grandi cambiamenti per le donne. Nel primo intreccio ci sarà la giudice Simonetta Matone, oggi Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma e per 17 anni PM per il Tribunale dei Minori, che ha dedicato la vita alla giustizia per i più piccoli e la cantautrice, musicoterapeuta e vocal coach Grazia Di Michele, tra le voci più originali della musica italiana. A metà degli anni ‘70 ha mosso i primi passi al Folkstudio e in 40 anni di carriera ha sempre raccontato nelle sue canzoni l’universo femminile in tutte le sue sfumature. Protagoniste del secondo intreccio saranno invece la giornalista Tiziana Ferrario, prima donna in Italia a condurre l’edizione serale del Tg1, poi inviata di politica estera in Afghanistan, Iraq, Medio Oriente, Sud Est Asiatico, Africa e Stati Uniti – paesi da cui ha raccontato crisi umanitarie e internazionali – e la poetessa e insegnante toscana Carmelina Rotundo che, venuta alla luce in fin di vita a causa del forcipe, ha affrontato una vita durissima ma è sempre riuscita a rinascere grazie all’amore e all’arte. In chiusura di puntata, a rappresentare le ragazze del Nuovo Millennio, l’intervista a Mariana Dos Santos, arrivata in Italia dal Brasile con sua madre a cinque anni, dopo una drammatica separazione dal padre.

Il 1° luglio 1961 nasceva Diana Spencer. I sessant’anni di Lady D saranno l’occasione, domani in diretta dalle 10.10, per ripercorrere a Tg2 Italia, la rubrica condotta da Marzia Roncacci, l’epopea della principessa triste, dalla favola a corte alla tragica fine a Parigi. Ospiti della puntata, interamente dedicata a Diana, la giornalista di Repubblica Eva Grippa e la nobildonna Marisella Federici, testimone di quegli anni. In collegamento da Londra il corrispondente Rai Stefano Tura e l’inviato del Sole 24 Ore Simone Filippetti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli