Mondo Rai/appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com

Cento anni fa, il 15 giugno 1920 nasceva Alberto Sordi. In occasione del centenario della sua nascita, Sabrina Impacciatore, attraverso il documentario di Giancarlo Governi “Alberto Sordi un italiano come noi” racconta la vicenda umana e professionale di Alberto Sordi, dagli esordi agli onori del Campidoglio che lo ha visto Sindaco di Roma per un giorno. Una prima visione in onda domani alle 23.35, su Rai1. Un ritratto delineato attraverso materiali inediti, storie, aneddoti, testimonianze, spezzoni di film. Dai teatrini di Trastevere al boom della commedia, passando per la radio e il teatro, la vita e la carriera di Alberto Sordi, italiano per eccellenza. 

“Spagna, diario di una pandemia” è il titolo della puntata di “Tg2 Dossier”, in onda domani alle 23.30 su Rai 2 e in replica domenica 14 alle 11.00. Dall’emergenza sanitaria, con le terapie intensive al collasso e le misure restrittive decise dal governo, alle prime riaperture verso quella che il premier Pedro Sanchez ha definito “una nuova normalità”. Il racconto dei cinquanta giorni in stato di allarme che hanno fermato e sconvolto la Spagna. Dal 14 marzo 2020, quando le autorità, con un ritardo pagato poi a caro prezzo in termini di contagi e vittime, optano per il confinamento della popolazione e il congelamento delle attività produttive, fino al 4 di maggio quando il Paese esce dalla fase di lockdown e gli spagnoli riassaporano il sapore della libertà. Le storie di chi ha lottato in prima linea contro il virus e i suoi effetti. Cinzia ed Oreste, medici italiani che lavorano nei reparti Covid-19 al collasso, Charo, la tassista che offre passaggi gratuiti al personale sanitario, Fuensanta, la suora coraggiosa che tiene aperta la mensa per i poveri, i dipendenti di un ospizio in Navarra che si chiudono dentro per giorni con gli anziani pur di salvarli dal contagio. Le voci degli italiani rimasti bloccati in Spagna: studenti Erasmus, turisti, lavoratori stagionali oltre ai 300mila connazionali stabilmente residenti nel Paese. 

Revival cinematografico della serie tv cult degli anni ’80, che ha reso celebre in tutto il mondo il carismatico Mr. T, è il film d’azione “A-Team” la proposta di Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) per domani alle 21.20. Un commando formato da quattro soldati, capitanato dal colonnello Hannibal Smith, dopo avere combattuto in Medio Oriente, viene incastrato per un crimine che non ha commesso. Quando la squadra riesce a evadere di prigione ha un solo obiettivo: dimostrare la propria innocenza lavorando per la Cia. Diretto dal maestro dell’action - crime Joe Carnahan, con un cast di super star, tra cui Liam Neeson, Bradley Cooper e Jessica Biel. 

Per ricordare i 50 anni dallo scioglimento dei Beatles, da domani - dopo la saga radiofonica di Storie Rock e Leggende - dalle 22 alle 23, Rai Radio2 trasmetterà “Beatlesmania”, uno speciale in 3 atti condotto da Gino Castaldo. Erano appena finiti gli anni Sessanta, una stagione clamorosa di sogni e ribellioni, quando, tra lo stupore e lo sconcerto generale, in una surreale conferenza stampa convocata per la promozione di Paul McCartney come artista solista, il 10 Aprile del 1970, i Beatles annunciarono al mondo, la fine della loro band. Niente tour d’addio o grandi cerimonie. Per il gruppo musicale di Liverpool, tutto finì con un incontro stampa di commiato e nulla di più. La storia dei "Fab Four", che sono stati in grado di cambiare la storia della musica mondiale nel giro di pochi anni, diventando una sorta di leggenda vivente, sarà raccontata da Castaldo in 3 diversi appuntamenti. Nel primo, sabato 13 giugno, il giornalista e critico musicale ripercorrerà gli esordi della band fino all'arrivo del successo. In quella di sabato 20 giugno, farà invece rivivere i Beatles degli anni d’oro, e infine nell’ultima puntata, quella di sabato 27 giugno, sarà il momento del racconto più triste: quello del declino. Beatlesmania è anche su RaiPlayRadio.it/Radio2, sulla app RaiPlay Radio e con contenuti speciali sui social di @RaiRadio2. 

La storia di due fratelli, interpretati da Marcello Mastroianni e Jacques Perrin, dai primissimi anni dell'infanzia fino alla morte del fratello più piccolo, Lorenzo, il più gracile e sfortunato. E il film diretto da Valerio Zurlini nel 1962 e tratto dall’omonimo romanzo di Vasco Pratolini in onda domani alle 21.10 su Rai Storia (canale 54) per il ciclo “Cinema Italia”. Enrico, il fratello maggiore, giornalista faticosamente realizzatosi, rievoca gli sforzi per sostenere il fratello durante l'infanzia e l'adolescenza, la malattia, l'ultimo penosissimo viaggio a Firenze, dove Lorenzo troverà la morte. Descritto come uno dei film "maschili" più commoventi nella storia del cinema, “Cronaca familiare” ha vinto il Leone d’ora al Festival di Venezia e si è aggiudicato un Nastro d’Argento. 

Fosco Maraini fu antropologo, viaggiatore, alpinista, fotografo. Di origini ticinesi, nacque a Firenze e crebbe fra i capolavori del Rinascimento. Un’attrazione invincibile lo spinse, giovanissimo, a Sud, in Sicilia e in Oriente, in Tibet, sul Karakorum e in Giappone. Il documentario di Marco Colli e Alberto Meroni, in onda in prima visione assoluta Rai domani alle 22.40 su Rai Stroia (canale 54) per il ciclo “Documentari d’autore”, rende omaggio alla vita di uno dei più grandi etnologi ed esploratori italiani, raccontando la sua passione per l’avventura e l’amore per ogni cosa che incontrò sul suo cammino. 

“Un Giorno in Pretura”, il programma di Roberta Petrelluzzi , in onda domani alle 23.55, su Rai3, ripropone la parabola giudiziaria di Pietro Pacciani, morto prima che la vicenda processuale arrivasse a conclusione e protagonista di una serie di delitti che per oltre 15 anni insanguinarono la campagna toscana. La puntata fornisce l’opportunità di riscoprire la personalità istrionica del contadino di Scandicci dall’inquietante vita familiare e dalle imbarazzanti frequentazioni. 

Nei giorni in cui il mondo intero si unisce sotto il grido di “Black Lives Matter”, Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre) propone, domani alle 21.10, “Lincoln”, il film di Steven Spielberg con Daniel Day-Lewis. Un film che ripercorre gli ultimi mesi di vita di Abraham Lincoln, l’uomo che pose fine alla schiavitù nell’America del 1865. Lincoln condusse una lotta dura ed estenuante per ottenere l'approvazione del 13° Emendamento in discussione alla Camera dei Rappresentanti. Lo fece durante una devastante guerra civile e mantenendo fede ai suoi ideali di uomo, padre e Presidente. Diretto da Steven Spielberg e scritto da Tony Kushner, il film è tratto dal libro Team of Rivals: The Political Genius of Abraham Lincoln di Doris Kearns Goodwin. Daniel Day-Lewis è, come sempre, perfetto nel ruolo e lo sono anche gli altri interpreti, tra tutti Tommy Lee Jones e Joseph Gordon-Levitt. 

Nuovo appuntamento con “Linea Blu”, domani alle 14 su Rai1. Donatella Bianchi ripercorrerà insieme ai telespettatori le tappe più significative di “Linea Blu”, nelle quali ha incontrato donne eccezionali che hanno fatto del mare la propria dimensione. L'olimpionica Alessandra Sensini racconterà il suo lockdown e l’emozione del ritorno in mare mentre una giovane trentenne ha realizzato il suo sogno: quello di diventare il comandante di un grande rimorchiatore del porto di Brindisi. E ancora, la storia di due giovani donne che, a Linosa, si impegnano per tutelare le tartarughe caretta caretta. Fino ad arrivare in Sardegna per “nuotare con le sirene”. Una puntata, dunque, declinata al femminile per ribadire la forza e la determinazione delle donne anche in un elemento difficile come il mare. Anche questa settimana, ad accompagnare Donatella Bianchi, ci sarà Fabio Gallo. In questa puntata incontrerà Marianna De Micheli, attrice apprezzata dal pubblico, ma anche grande appassionata del mare.