Mondo Rai/Appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Con le sue imprese e i suoi fallimenti, Umberto Nobile ha scritto alcune delle pagine più avvincenti e controverse della storia dell’aeronautica e dell’esplorazione italiana. Pagine ripercorse dalla professoressa Isabella Insolvibile e da Paolo Mieli a “Passato e presente” in onda domani alle 20.30 su Rai Storia. Esattamente 95 anni fa, il 10 aprile 1926, il primo volo sul Polo Nord col dirigibile Norge, da lui progettato, ne fa una celebrità che il regime fascista sfrutta a proprio vantaggio. La seconda impresa al Polo, invece, si conclude tragicamente. I forti venti spingono il dirigibile Italia a schiantarsi contro il pack e poi lo trascinano via, con a bordo ancora 6 membri dell’equipaggio, che non verranno mai più ritrovati. Anche molti dei tentativi di soccorso per salvare i superstiti rimasti sul ghiaccio, dentro la famosa “tenda rossa”, hanno esito mortale. Nobile si salva, ma, perso il favore di Mussolini, diventa oggetto delle indagini di una commissione d’inchiesta che, nel 1929, lo dichiara colpevole dell’accaduto. Nobile lascia l’Aeronautica e si trasferisce prima in Unione Sovietica e poi negli Stati Uniti, dove insegna ingegneria. Rientrato in Italia dopo la guerra, diventa deputato nelle file del Pci e continua a battersi per ottenere il ribaltamento delle accuse a suo carico, soprattutto la più odiosa: quella di aver abbandonato i suoi uomini sul ghiaccio, salvandosi per primo.

La storia di un’anziana donna irachena che nel 2015 percorre 5.000 chilometri per sottrarre la nipotina alla guerra. Stefano Massini trasforma quel viaggio in un’epica moderna, affidata all’interpretazione di Ottavia Piccolo in “Occident Express (Haifa è nata per star ferma)” che Rai Cultura propone domani alle 21.15 su Rai5. Lo spettacolo fa parte della serie di appuntamenti teatrali, in onda il sabato in prima serata su Rai5, che vedono protagonista Ottavia Piccolo, una delle attrici più amate della scena italiana, e che rendono conto del suo ormai decennale sodalizio con il drammaturgo Stefano Massini: un cammino teatrale condiviso che ha raccontato alcune delle più acute emergenze civili, sociali e politiche del nostro presente.

In occasione dei 50 anni dalla morte di Igor Stravinskij, Rai Cultura propone “Sinfonia di Salmi”, per coro misto e orchestra, in onda domani alle 20.50 su Rai5. In programma, “Exaudi orationem meam”, “Expectans expectavi Domine”, “Laudate Dominum” eseguite dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e dall’Athestis Chorus diretti da Jeffrey Tate. Maesto del Coro, Filippo Maria Bressan.

Una pellicola intensa e drammatica, con un grandissimo cast al femminile, che racconta un forte legame tra una madre e la figlia. Questo è “White oleander - Oleandro bianco” il film, tratto dal bestseller di Janet Fitch, in onda domani in prima serata, alle 21.10, su Rai Movie (canale 24 del digitale terreste). Ingrid Magnusson (Michelle Pfeiffer) è un'artista concettuale e madre di Astrid (Alison Lohman). Un giorno Ingrid viene arrestata con l'accusa di omicidio del suo amante. Da quel momento per la figlia inizia un'odissea e passa di casa in casa affidata a diverse famiglie. Prima vive con la ex spogliarellista Starr (Robin Wright), poi con l'attrice Claire (Renée Zellweger). Ma queste figure materne temporanee non riescono a farle sentire meno la mancanza della vera madre, per la quale Astrid ha un'assoluta venerazione.

Dopo “i Mostri” del 1963, un nuovo film ad episodi per catturare attraverso la chiave della satira sociale e di costume il degrado della società italiana della seconda metà degli anni 70. È “I nuovi mostri” in onda domani alle 21.10 su Rai Storia per il ciclo “Cinema Italia”. Mario Monicelli, Dino Risi, Ettore Scola tratteggiano il ritratto spesso nero e spietato di un Paese incarognito oltre ogni limite, cinico e indifferente, in cui tutto si riduce a egoismo, alienazione e violenza, sotto il segno dell'inautenticità più assoluta: dei rapporti, dei sentimenti, delle idee. Tra gli interpreti, Vittorio Gassman, Ornella Muti, Alberto Sordi, Ugo Tognazzi.