Mondo Rai/appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com

Una storia di grande valore civile e di impegno contro la malavita organizzata. Lunetta Savino è nuovamente protagonista, domani alle 21.25 su Rai1, di un racconto che riporta in primo piano il coraggio di una donna, questa volta una piccola imprenditrice napoletana che si oppone, a rischio della vita, alla prepotenza e alla violenza della camorra. “Il coraggio di Angela”, per la regia di Luciano Manuzzi è una produzione Rai Fiction- Magnolia Fiction, realizzata da Rosario Rinaldo. Ad affiancare Lunetta Savino, Andrea Tidona, Gianluca Di Gennaro, Gaetano Amato, Maria Pia Calzone, Ninni Bruschetta, Antonio Pennarella, Vincenzo Pirozzi, Ivana Lotito e Serena Ferri. Un ragazzo napoletano di 17 anni, Salvatore, accoltella l’amico Nino, figlio del camorrista che ha fatto arrestare suo padre Ciro Marra, boss rinchiuso in carcere con l’accusa di omicidio. Salvatore, dopo la morte della madre, vive con la zia Grazia la quale, volendolo strappare ad una vita violenta, chiede alla cugina Angela di prendere con sé il ragazzo. La donna, titolare con il marito Pasquale di un negozio di vernici, non intende turbare l’equilibrio familiare mettendosi in casa Salvatore. Ma col passare del tempo per Angela il destino del nipote diventa sempre più un caso di coscienza. 

La sera del 3 luglio 1990, mentre allo stadio San Paolo di Napoli si consuma una delle più cocenti delusioni sportive che hanno segnato l'epopea del calcio italiano, la sconfitta nella semifinale mondiale, ai rigori, contro l'Argentina di Maradona, a Roma l'auto di Leandro Saponaro, un produttore cinematografico sull'orlo della bancarotta precipita nel Tevere. Le indagini si concentrano immediatamente su tre giovani sceneggiatori, legati a Saponaro, finalisti del premio Solinas. E' questo l'incipit di "Notti magiche", l'ultimo film firmato alla regia da Paolo Virzì, prodotto da Rai Cinema nel 2018, in onda domani in prima tv assoluta su Rai3 alle 21.20. La cornice narrativa, scandita dalla hit di Gianna Nannini ed Edoardo Bennato, è quella dei Mondiali del 1990, con le partite che determinano l'alternanza dei giorni e delle notti, e le telecronache della Rai che si trasformano nella colonna sonora alternativa di una commedia a tinte gialle, che unisce il racconto alla memoria collettiva di un evento tanto indimenticabile quanto bruciante nel suo epilogo.  

È la leggenda del pianoforte Martha Argerich la protagonista del concerto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta dal maestro Antonio Pappano che Rai Cultura propone domani alle 17.00 su Rai5 (canale 23). Interprete eccezionale per temperamento e personalità, con più di sessant’anni di carriera alle spalle, la grande pianista argentina è legata dal 1979 all’istituzione romana, con cui ha realizzato concerti, tournée internazionali e importanti produzioni discografiche. Nel concerto registrato nell’ottobre 2019, ha proposto uno dei suoi brani favoriti: il Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra S 124 di Franz Liszt. Pagina fra le più brillanti, ardue e sfaccettate del pianismo dell’autore ungherese, fu eseguita per la prima volta nel 1855 a Weimar, con Liszt al pianoforte e Berlioz sul podio. Il programma del concerto include due capolavori del romanticismo tedesco come l’Ouverture da Euryanthe di Carl Maria von Weber e la tormentata Sinfonia n. 2 in do maggiore op. 61 di Robert Schumann, presentata al Gewandhaus di Lipsia sotto la direzione di Mendelssohn nel 1846. Regia televisiva di Andrea Menghini. 

L'urgenza scuola, con la fiducia sul decreto e il tavolo governativo per decidere con quali modalità gli studenti potranno tornare in aula a settembre. Sarà questo il focus della puntata di "Radio anch'io", su Rai Radio1 domani dalle 7.30. Si parlerà, inoltre, di economia e imprese, con il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e il membro del direttivo della Bce, Fabio Panetta. Nell’ultima parte del programma, le infrastrutture, perchè il Presidente del Consiglio Conte ha parlato di cura choc: che significa? Con Giorgio Zanchini ne discuterà tra gli altri, la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli. Tra gli altri ospiti: Paola Guarnieri, Grr; Giuseppe De Cristofaro, sottosegretario all'Istruzione, LeU; Lena Gissi, segretaria generale Cisl Scuola; Chiara Saraceno, sociologa e filosofa; Roberto Nicastro, Senior Advisor Europa di Cerberus; Valerio De Luca, presidente di Task Force Italia e di Aises (Accademia Internazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale); Oliviero Baccelli, direttore del master in Economia e management dei trasporti e della logistica delle infrastrutture (Memit) all'Università Bocconi; Francesco Merloni, presidente ANAC; Filomena Maggino, presidente della cabina di regia Benessere Italia - Presidenza del Consiglio dei Ministri. 

Mercanti, banchieri, artisti e diplomatici, sono i protagonisti delle carte di un archivio che conserva centinaia di anni di storia di una delle più fiorenti e nobili Repubbliche di epoca medioevale. Nella prima puntata di “Archivi. Miniere di Storia”, in onda domani alle 22.30 su Rai Storia (canale 54), Marco Mondini porta alla scoperta del meraviglioso archivio della città di Siena. Saranno i suoi documenti a tracciare per noi la storia della città, non di rado incorniciati nelle “biccherne”, copertine d’arte appositamente realizzate per la conservazione documentale. Centro bancario fiorentissimo, Siena converte in arte e bellezza le sue ricchezze, e con la sua crisi, che lascerà spazio all'ascesa di Firenze, ci dà indicazioni preziose anche sul nostro presente. Ospiti di eccezione la direttrice dell'archivio, Maria Raffaella De Gramatica, la medievista Gabriella Piccinni e l'esperto di archivi Stefano Moscadelli, mentre presenta le sue ricerche sulla diplomazia la dottoressa Barbara Gelli. 

L'impatto della pandemia sulla nostra società ha fortemente aggravato il problema delle diseguaglianze, già scatenato dall'avvento della globalizzazione e delle tecnologie avanzate. Romano Prodi, ex Presidente della Commissione Europea e due volte Presidente del Consiglio, sarà ospite di Giorgio Zanchini nella puntata di "Quante Storie" in onda domani alle 23.30 su Rai3, per spiegare come e perché siamo scivolati su questo piano inclinato, e discutere con Corrado Augias le principali aree di intervento per una ripresa inclusiva, capace di rilanciare una sana prospettiva europea.  

Nella prima serata di domani Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) propone, alle 21.10, un piccolo cult degli anni ’90, “Sex Crimes - Giochi pericolosi”. Un thriller a tinte sensuali che porta in scena una morbosa vicenda di violenze e ricatti che vede come protagonisti Matt Dillon, nei panni di un professore accusato di violenza sessuale, Denise Richards e Neve Campbell, che interpretano le due studentesse accusatrici, e Kevin Bacon nei panni del detective che indaga sull’accaduto. Alla regia John McNaughton, autore di una considerevole mole di cult movies come Henry, pioggia di sangue (1986), The Borrower – Il cacciatore di teste (1991) e Crocevia per la morte (1996). 

È il 18 marzo 1940. Benito Mussolini e Adolf Hitler si incontrano alla stazione del Brennero. È il quinto incontro tra i due dittatori. Si svolge in un momento chiave per la storia europea: quando Hitler, con l’invasione della Polonia, ha di fatto da qualche mese scatenato il secondo conflitto mondiale ed è prossimo ad attaccare la Francia. Una pagina di storia ripercorsa dal professor Ernesto Galli della Loggia e Paolo Mieli a “Passato e Presente” in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Punto cruciale dell’incontro del Brennero è la richiesta del Fuhrer al Duce di interrompere lo stato di non belligeranza dell’Italia ed entrare in guerra a fianco della Germania. Una richiesta a cui un esitante Mussolini dovrà adeguarsi, malgrado l’impreparazione militare italiana e un’opinione pubblica tutt’altro che favorevole alla guerra.  

Per celebrare la Giornata Mondiale dell’Ambiente, Rai RadioLive ha scelto di dedicare la puntata di “Mattino Live” di venerdì 5 giugno alle 9:00, al "Grand Tour In Italia tra cultura e natura", una iniziativa che si svolge con il patrocinio della commissione nazionale italiana per l’Unesco. Giovanna Savignano intervisterà Stanislao de Marsanich, presidente di "Parchi Letterari", un'associazione che in collaborazione con il mensile “Leggere tutti” ha organizzato, proprio per questa giornata, una lunga maratona online all’insegna del rapporto tra Viaggio e Cultura. Scopo dell'iniziativa, è capire come andrà a modificarsi – dopo quanto accaduto nel nostro Paese e non solo - la domanda e l’offerta di viaggi e ospitalità turistica. Per progettare un "nuovo futuro", de Marsanich ha chiamato a partecipare alla diretta streaming, gli operatori della filiera turistica e agroalimentare, ma anche scrittori, economisti, filosofi, sociologi, paesaggisti, architetti e rappresentanti delle Istituzioni. “Mattino Live” si ascolta al link www.radiolive.rai.it, oppure su RaiPlay Radio, sulle radio Dab + e sul digitale terrestre televisivo.