Mondo Rai/Appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Dopo un anno di facili vittorie in tutta Europa, nel giugno del 1940, Adolf Hitler comunica ai suoi generali la decisione di invadere la Russia. Il Fuhrer è convinto che la sconfitta dell’Unione Sovietica servirà a costringere l’Inghilterra a uscire dalla guerra, scongiurando un possibile intervento degli Stati Uniti. Hitler e il suo stato maggiore scommettono tutto sull’efficacia di quella guerra lampo che tanti frutti ha portato nel 1939 e nel 1940. Il 22 giugno 1941, all’alba, 3 milioni di soldati tedeschi dilagano oltre il confine in direzione di Leningrado a nord, Mosca al centro e Kiev al sud. È cominciata l’Operazione Barbarossa, rievocata da Paolo Mieli e dal professor Alessandro Barbero a “Passato e Presente” in onda domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Il successo dei primi giorni è travolgente. Ma già a poche settimane dall’inizio della campagna, la Wermacht comincia a risentire degli enormi problemi logistici causati dalle dimensioni del fronte russo. Dopo la sorpresa ed il disastro iniziale, i sovietici ritrovano gradualmente le loro capacità organizzative e dispiegano risorse umane e militari di cui i tedeschi ignoravano l’esistenza. La sconfitta tedesca alle porte di Mosca, al principio di dicembre, segna il fallimento del "blitzkrieg" e l’inizio della fine della Germania nazista.

È il legame tra voce e paura l’argomento della nuova puntata di “Voice Anatomy”, condotto da Pino Insegno, in onda domani alle 23.45 su Rai2. Quali sono le differenze e le similitudini tra voci impaurite e voci che spaventano: cosa succede alla nostra voce quando abbiamo paura? Come controllarla? Come liberarsi della paura, anche la più grande, con la sola voce? Qual è la voce che fa più paura? Morgan racconterà il suo rapporto con la paura e si sottoporrà alla lezione di dizione del professor Andrea Papalotti; interverrà poi il compositore e musicista Claudio Simonetti, fondatore del gruppo Goblin che si è contraddistinto nella composizione di colonne sonore di film horror, oltre agli ospiti come l’imitatore Claudio Lauretta, l’influencer e doppiatore TheMerluzz, il professor Franco Fussi, l’attrice e cantante Nicole Magolie. Non mancheranno poi le esibizioni della resident band Cluster, della ballerina Roberta Siciliano e la performance finale di Albert Hera a cui spetterà il compito di raccontare in suoni quanto successo durante la puntata.

Michael Portillo raggiunge Monterey, un tempo “capitale” delle sardine in scatola e oggi popolare meta turistica, nel nuovo episodio della serie “Prossima fermata America”, in onda in prima visione domani alle 20.15 su Rai5. I primi cinque episodi della serie ripercorrono le tappe della conquista della California nel XIX secolo. In questo episodio, prima di arrivare a Los Angeles e Hollywood, Portillo fa una sosta in un'azienda agricola per un breve corso di cucina alla scoperta del vero guacamole.