Mondo Rai/appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com
·8 minuto per la lettura

Nono e penultimo appuntamento con ‘Tale e Quale Show’, il varietà di Rai1 in onda domani alle 21.25. Sarà Carlo Conti a presentare la serata, collegandosi nuovamente dalla propria abitazione. Le condizioni di salute del conduttore, dopo la positività al Covid-19, sono migliorate e dunque gli permettono di tornare al timone del programma anche se da remoto. La giuria, composta da Loretta Goggi, Giorgio Panariello e Vincenzo Salemme, coadiuvati da Gabriele Cirilli, sarà affiancata in questa puntata dall’attrice Elena Sofia Ricci, giurata d’eccezione. Gli abbinamenti di questa semifinale: Virginio diventa Ed Sheeran, Barbara Cola prova a ripetersi con Emma Marrone, Jessica Morlacchi se la vede con Rihanna, Francesco Monte veste i panni di Tiziano Ferro, Lidia Schillaci imita Beyoncé, Carolina Rey si trasforma in Laura Pausini, Sergio Muniz diventa Julio Iglesias, Giulia Sol interpreta Liza Minnelli, Agostino Penna si mette alla prova con Phil Collins e Pago con Massimo Ranieri. Al termine della puntata, grazie alla somma delle due votazioni (quella dei giurati e quella degli stessi protagonisti), sarà decretato il vincitore della serata; la classifica generale, data dalla somma dei voti totali del Torneo, porterà poi la prossima settimana all’elezione del vincitore finale di questa edizione. 10 partecipanti sono seguiti, nell’arco del loro percorso, da quattro tutor: i “vocal coach” Maria Grazia Fontana, Dada Loi e Matteo Becucci, e la “actor coach” Emanuela Aureli. Non mancheranno, come di consueto, gli ‘imitatori del web’, che potranno inviare alla redazione del programma le proprie ‘originali’ performance: le più divertenti saranno mandate in onda. ‘Tale e Quale Show’ è prodotto in collaborazione con Endemol Shine Italy.

Dal liberismo e dalla globalizzazione al blocco delle merci e degli scambi: la pandemia ha generato un corto circuito che rischia di cambiare non solo i nostri consumi ma anche la nostra mentalità. Come usciremo da questo periodo? Riusciremo a trasformare la crisi in un'opportunità? L’economista Mariana Mazzuccato e il giornalista Federico Fubini, ospiti della puntata di Quante Storie in onda domani, alle 12.45 su Rai3, rispondono a questo interrogativo in una conversazione che riavvolge il nastro di una crisi riconducibile ai primi anni del millennio e che l'emergenza Covid rischia di portare alle estreme conseguenze.

Un pugile tecnicamente perfetto, agile, tenace, intelligente, potente. Parlava perfettamente tre lingue. Era italiano e forse anche fascista. Sicuramente non antifascista. Ma per gli italiani il colore della sua pelle, scura, faceva la differenza. E’ la storia di Leone Jacovacci raccontata da “Il pugile del Duce” in onda domani alle 22.10 su Rai Storia per il ciclo “Italiani”. Una storia dimenticata che pochi conoscono e che potrebbe ridare a Jacovacci il posto che merita nello sport italiano e che permette una riflessione sul nostro presente, venato di tracce di un razzismo strisciante. Perché - anche se Jacovacci aveva tutte le carte in regola per entrare nella storia del pugilato - il Fascismo lo ha cancellato dalla storia italiana, come testimoniato dal filmato dell’Istituto Luce dell’incontro del 24 giugno del 1928 manomesso e tagliato sulla parte finale dove il pugile di colore venne incoronato campione d’Europa. Il film racconta parallelamente il motivo per cui Mauro Valeri, sposato con una etiope, ha riscoperto Leone Jacovacci.

L'arte e la cultura possono essere beni fragili, fragilissimi. Come proteggerli da guerre, calamità naturali, rivoluzioni? In occasione dei 50 anni della Convenzione Unesco del 1970 - che impedisce la circolazione illecita di proprietà dei beni culturali - vale la pena riflettere sull'importanza che questi “beni” culturali hanno per i Paesi e le loro popolazioni, e sui modi in cui possano e debbano essere salvati nelle situazioni che li mettono più a rischio. “Terza Pagina”, il talk culturale condotto da Licia Troisi, nella puntata in onda domani alle 23.40 su Rai5, va alla scoperta degli strumenti di protezione e di tutela dei beni artistici e culturali, e ci fa conoscere le persone che hanno dedicato la propria vita a questo scopo. Interverranno: Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri, Emanuele Bevilacqua, docente universitario e giornalista, Federica Gentile, autrice e conduttrice radiotelevisiva, il generale Roberto Riccardi, Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

“Elisir”, il programma di medicina condotto da Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi, in onda domani alle 11.00 su Rai3, ospiterà il professor Franco Fussi, responsabile del Centro Audiologico Foniatrico dell’Azienda USL di Romagna a Ravenna, per parlare dei problemi alla gola e di come farvi fronte in questi periodi di Covid. Nella seconda parte della puntata il professor Gianfranco Sinagra, direttore del Dipartimento Cardiovascolare e Scuola di Specializzazione in Cardiologia dell'Università di Trieste, parlerà delle palpitazioni cardiache, di quando sono un sintomo e bisogna rivolgersi al medico. Infine, con il professor Calogero Foti, ordinario di Medicina fisica e riabilitativa dell’Università Tor Vergata di Roma, ci si occuperà delle tecniche di rilassamento e di come e quando utilizzarle.

A “Tg2 Italia”, in onda domani alle 10 su Rai2, tra i temi in scaletta, la tendenza degli italiani ad accumulare farmaci. Ma quali medicine bisogna davvero tenere a portata di mano in casa? Marzia Roncacci ne parlerà in studio con il medico di base dottor Pier Luigi Bartoletti e in collegamento con il farmacista Leopoldo Mannucci. E, ancora, quali strumenti è bene avere per fronteggiare il Covid? Infine, la rubrica “Sette giorni”, una sorta di rotocalco delle notizie, delle ricorrenze e delle curiosità dal mondo della settimana appena trascorsa, sarà commentato da Stefano Graziosi, de La Verità.

Lo street artist Jorit, lo scultore Jago, la performance artist Virginia. Tre artisti apparentemente senza alcun punto di contatto. Eppure, c’è un filo rosso che li unisce: sono giovani, sono tutti e tre proiettati in un percorso di crescita e affermazione, appartengono alla generazione dei millennials che utilizzano social media e dirette streaming per farsi conoscere. Ed hanno tutti una sola ossessione: fare arte. Essere artisti oggi, all’ingresso del secondo decennio del nuovo millennio, ha ancora senso? Qual è il loro pubblico? E cosa li spinge a investire ogni giorno della propria vita nella creazione di un’opera che finirà per attirare sia critiche che consensi? Lo spiega il documentario di Luigi Pingitore “MillenniArts”, che il programma di Rai Cultura “Art Night” propone domani alle 21.15 su Rai5. Tre artisti, tre città, tre approcci all’arte diversi, raccontati in un unico, ininterrotto flusso audiovisivo fatto di magiche risonanze, differenze, strappi e prossimità. Un uomo che si arrampica su ponteggi traballanti e dipinge grandi ritratti d’uomini famosi sui muri della propria città (Napoli) e da lì parte per un viaggio in varie città del mondo. Un trentenne che dedica ogni energia a scolpire il marmo, cercando nella nuda materia quello che secoli prima hanno trovato Michelangelo e Canova. Una donna che passa molte ore in meditazione, sotto un albero, alla ricerca dell’elemento che potrà unire lei, gli altri e il mondo. Come se fare arte fosse l’unico argine alla distruzione a cui sembra votarsi l’umanità. A seguire, “Art Night” propone il documentario di Craig e Brent Renaud “State of the Art, arte all'avanguardia”. Un viaggio lungo gli Stati Uniti alla ricerca di artisti sconosciuti per un progetto unico che racconta l'arte contemporanea americana. Il filmato racconta l’incredibile viaggio in giro per l’America intrapreso dai curatori del Crystal Bridges Museum of American Art di Bentonville in Arkansas, alla scoperta di 100 artisti sconosciuti da presentare in un innovativo progetto espositivo con l’obiettivo di definire una nuova estetica dell’arte contemporanea americana.

A dieci giorni dalle elezioni negli USA, il conteggio dei voti in Alaska ha decretato la vittoria dei Repubblicani: un esito ininfluente per le presidenziali, ma che rende sempre più difficile la riconquista del Senato per i Democratici, che dovranno cercare di assicurarsi i due seggi in palio a gennaio in Georgia. È la situazione politica degli Stati Uniti l’argomento della nuova puntata di "Radio3 Mondo" in onda domani alle 11 su Radio3. Luigi Spinola ne parlerà con Francesco Costa, giornalista e vicedirettore del Post, che gestisce il blog “Da Costa a Costa”, dedicato agli Usa. Mentre il Dipartimento di Stato impedisce a Biden di accedere ai messaggi di congratulazioni dei leader stranieri, il Wall Street Journal ribadisce che questo risultato elettorale non verrà ribaltato poiché i riconteggi cambiano i margini di centinaia, ma mai di decine di migliaia. L’aspetto preoccupante della politica ostruzionistica di Trump riguarda invece l’impossibilità all’accesso al briefing dell’intelligence della squadra di Biden per capire quali sono le minacce per la sicurezza degli USA, impedendo così alla futura amministrazione di prepararsi ad affrontarle.

C’è chi ha trovato il modo di guadagnare anche approfittando del Covid, dei fondi stanziati a sostegno di famiglie ed imprese. In pochi mesi la Guardia di Finanza ha raccolto migliaia di segnalazioni legate a operazioni per mettere le mani su provvidenze a fondo perduto, finanziamenti per la ripresa e perfino per la cassa integrazione. E questo mentre c’è chi specula imbrogliando sui tamponi e giocando con la salute dei cittadini. Se ne parla domani, alle 12.25 su Rai3, a ”Fuori Tg”, lo spazio quotidiano di approfondimento del Tg3 a cura di Mariella Venditti e condotto da Maria Rosaria De Medici, con l’avvocato Fausto Amato di SOS Impresa e con l’inviato Fabrizio Feo.