Mondo Rai/Appuntamenti e novità

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·8 minuto per la lettura

Rai1 proporrà domani alle 21.25 il film d’avventura francese, in prima visione tv, “Mia e il leone bianco”, con Daniah De Villiers, Melanie Laurent, Langley Kirkwood. La piccola Mia, 11 anni, è costretta a trasferirsi dall'Inghilterra in Africa per il lavoro del padre, uno zoologo. La sua vita cambia quando nel loro allevamento nasce Charlie, un raro esemplare di leone bianco: nel corso degli anni, crescendo insieme, nasce un'amicizia molto forte tra la ragazzina e il felino. A quattordici anni, la protagonista scopre che il padre vuole vendere Charlie, divenuto uno splendido esemplare adulto, ai cacciatori di trofei…

Interpretato da Marco Giallini, il burbero-trasteverino vicequestore Rocco Schiavone, trasposizione televisiva del celebre protagonista delle opere letterarie di Antonio Manzini, torna su Rai2, domani alle 21.20, con la seconda e ultima indagine dal titolo “Ah l’amore, l’amore”. Rocco è in ospedale perché ha subito un’operazione molto seria, ma il lavoro, suo fedele compagno, lo segue anche lì. Nello stesso periodo, infatti, perde la vita Roberto Sirchia, un noto industriale della zona, in seguito a un errore trasfusionale. Rocco, che nonostante sia convalescente continua a sentire ‘gli odori’, capisce che questa morte non è solo errore di malasanità. Così, mosso dalla stima e dalla riconoscenza nei confronti del primario Negri, che lo ha operato e salvato, inizia ad indagare. Inizia così una indagine notturna e segreta in pigiama e loden tra i corridoi dell’ospedale. È proprio qui che Rocco entra in contatto con un’umanità silenziosa, sofferente e abbandonata, in cui non faticherà a riconoscersi. Marina, che nonostante tutto non lo abbandonerà mai, incitandolo a tornare a vivere, a riscoprire la felicità e l’amore. Quegli stessi sentimenti che hanno fatto irruzione nella la vita di Ugo Casella, che ha perso la testa per la sua vicina Eugenia, o nella vita di Antonio, che non è più in grado di gestire le sue tre amanti, o ancora di Fumagalli e della Gambino, che ormai non nascondono più la loro attrazione. È la fine dell’anno, Rocco è pronto a festeggiare la notte di San Silvestro con una donna bellissima e affascinante. Sarà forse lei a riaccendere in lui l’amore?

È firmato da Graham Vick e diretto da Daniele Gatti, con la partecipazione di Remo Girone, il nuovo allestimento di Zaide di Mozart, andato in scena nell’ottobre 2020 al Teatro dell’Opera di Roma, che Rai Cultura trasmette in prima TV su Rai5 domani alle 21.15. Concepito appositamente per le restrizioni imposte dalla pandemia, il Singspiel lasciato incompiuto da Mozart, e il cui libretto di Johann Andreas Schachtner è andato perduto, è proposto nella ricostruzione realizzata nel 1981 da Italo Calvino. Invece di ricreare l’illusione di un’opera compiuta, lo scrittore preferì “mettere in valore quello stato d’animo di sospensione che ogni opera incompiuta comunica”. Il grande Remo Girone è impegnato nel ruolo del narratore. La vicenda ruota intorno a due amanti, Zaide, la giovane fanciulla preferita del sultano, e Gomatz, schiavo cristiano. I due si innamorano e progettano la fuga. Il ministro Allazim, che ha un ruolo fondamentale nel racconto, decide di aiutarli e scappare con loro. Vengono però scoperti e portati davanti al Sultano Soliman. Zaide lo supplica perché risparmi almeno il suo amato. Qui la storia si interrompe, perché Mozart, che scrisse l'opera tra il 1779 e il 1780, prima dell’Idomeneo, la lasciò incompiuto al secondo atto. È Chen Reiss a dar voce a Zaide. Soliman è interpretato da Paul Nilon. Juan Francisco Gatell è lo schiavo cristiano Gomatz, mentre Markus Werba e Davide Giangregorio sono rispettivamente Allazim e Osmin. Italo Grassi firma le scene e i costumi, Giuseppe Di Iorio le luci, mentre i movimenti mimici sono di Ron Howell.

Documenti esclusivi, nuove ricostruzioni e tutte le ultime novità su Benno Neumair e l’omicidio di Bolzano in diretta a “Chi l’ha visto?”, domani alle 21.20 su Rai3. E poi il mistero della scomparsa di Khrystyna che viveva in una villetta in provincia di Pisa con il suo fidanzato. Si indagava per omicidio e ora il colpo di scena: Francesco, il vicino di casa che aveva detto all’inviata della trasmissione di non sapere nulla sulla scomparsa della ragazza, è stato arrestato e accusato di omicidio. E come sempre gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Domani Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) continuerà l’esplorazione di mondi cinematografici distopici con la sua programmazione dedicata a “Obiettivo Mondo”, iniziativa pensata per promuovere la sensibilizzazione ai 17 punti dell’Agenda 2030 per lo sviluppo della sostenibilità ambientale. Protagonista della serata sarà il punto 13 dell’agenda 2030: “i cambiamenti del clima” (si devono adottare misure urgenti per contrastare il cambiamento climatico e i suoi impatti regolando le emissioni e promuovendo gli sviluppi nell'energia rinnovabile). Alle 21.20 verrà trasmesso il film “Snowpiercer”, tratto dall’omonimo graphic novel fanta-sociologico e ambientato in una futuribile era glaciale, dove i pochi superstiti vivono all’interno di un treno che percorre perpetuamente il giro del globo. Ma la divisione in classi sociali che vige all’interno della vettura porterà presto i più poveri a una rivolta. Diretto dal regista premio Oscar per Parasite, Bong Joon-ho, Snowpiercer si avvale di un grande cast che comprende Chris Evans, John Hurt, Ed Harris e Tilda Swinton. La serata continuerà con “Vita dallo spazio: Asteroidi e meteoriti”, in prima visione assoluta, secondo e ultimo episodio della miniserie documentario incentrata sulle scoperte scientifiche che guardano oltre i confini terrestri. Si capirà come i meteoriti hanno portato le sostanze primarie sul nostro pianeta, consentendo la nascita della vita.

Seguendo una speciale edizione canadese della Guida ferroviaria Appleton's della fine dell'Ottocento, Michael Portillo prosegue il viaggio in treno attraverso il Canada orientale nell’ultimo episodio della serie “Prossima fermata America” in onda domani alle 20.15 su Rai5. Diretto a Toronto, visita Thousand Islands, Fort Henry e la Reale Accademia Militare del Canada per conoscere le storie di grandi personaggi dello spettacolo, dello sport e dell'industria canadese. Prima di lasciare il Paese, si concede un'avventura sulla CN Tower per ammirare il più straordinario panorama di Toronto.

In occasione del periodo pasquale, a partire da domani, tutti i giorni alle 18.45 su Rai1, “L’Eredità” propone un ciclo di trasmissioni dedicate alle Onlus: “L’Eredità per l’Italia”, prodotto in collaborazione con Banijay Italia. Con l’accordo e il sostegno della Rai e nell’assoluto rispetto delle regole di sicurezza, il popolare programma di Rai1 condotto da Flavio Insinna torna con il marchio che già aveva proposto con grande seguito l’anno scorso. Lo scopo fondamentale sarà quello di offrire un contributo di solidarietà alle Organizzazioni di utilità sociale che operano per aiutare chi si trova in difficoltà economiche. Le trasmissioni di questo ciclo saranno quindi organizzate in una serie di “tornei”, ognuno dei quali avrà come riferimento una diversa Onlus e nei quali Campioni delle passate stagioni si affronteranno per individuare la parola della “Ghigliottina” e per devolvere interamente gli eventuali montepremi conquistati in beneficenza. Ovviamente in queste puntate speciali de “L’Eredità” saranno presenti tutti gli ingredienti che hanno contribuito a fare del programma un appuntamento fisso per gran parte degli italiani e un grande successo di ascolti: giochi interessanti e avvincenti, concorrenti validi e motivati, e soprattutto affetto e simpatia verso il pubblico, che Flavio Insinna definisce “la grande famiglia de “L’Eredità”.

Ci sarà l’antico Egitto al centro della puntata de “La Banda dei FuoriClasse”, in onda domani alle 15, su Rai Gulp e RaiPlay. Il programma, condotto da Mario Acampa, va in onda in diretta per aiutare nel doposcuola gli studenti della scuola primaria e secondaria inferiore in un anno scolastico molto complicato. La maestra Silvia Bernieri spiegherà com’era avere 10 anni nell’antico Egitto parlando di piramidi, sfingi e vita quotidiana. La divulgatrice speciale del giorno, Susanne Toepfer, esperta di giocattoli antichi, racconterà dal Museo Egizio di Torino come giocavano i piccoli egiziani. Nuovo allenamento con il coach Mattia De Flaviis, mentre Massimo Temporelli farà scoprire le teorie matematiche con le bolle di sapone. Mentre continua il corso della settimana dedicato a Dante Alighieri per celebrare i 700 anni dalla morte del Poeta, le Muse delle equipe formative territoriali del Ministero dell’Istruzione - Scuola Digitale racconteranno come diventare dei perfetti follower di Dante e imparare la Divina Commedia anche attraverso i social e la tecnologia attraverso l’iniziativa #dantesocial. Il programma è prodotto da Rai Ragazzi in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e va in onda ogni giorno in diretta dal Centro Rai di Torino.

Non è stato semplicemente un artista di talento, ma un autore unico che ha colto lo spirito del tempo, senza restare prigioniero del suo tempo. Non ha parlato di una generazione, ma è diventato la voce di una generazione. A Bob Dylan è dedicato il documentario “The Bob Dylan Phenomenon” in onda domani alle 24.10 su Rai5, disponibile anche in lingua originale. Attraverso immagini live, dichiarazioni del cantautore e il racconto di giornalisti, esperti del settore e musicisti, si traccia la storia discografica e personale di Bob Dylan.