Mondragone: previsto l'arrivo del leader della Lega

salvini mondragone

Intervenuto a “Dritto e Rovescio”, il leader della Lega Matteo Salvini ha dichiarato che il 30 giugno si recherà a Mondragone per incontrare i cittadini e aiutare le forze dell’ordine. Ora che la comunità bulgara è in quarantena, il paese si è spaccato in due e Salvini potrebbe prendere la palla al balzo per rilanciare il suo partito.

Mondragone, Salvini atteso il 30 giugno

Il caso dei contagi a Mondragone ha scatenato un dibattito non solo tra gli esperti ma anche a livello politico. Matteo Salvini (dopo gli iniziali commenti e scontri con il governatore Vincenzo De Luca per come ha gestito e sta gestendo l’emergenza in Campania) ora vuole passare all’azione. Una mossa che, osservano molti, potrebbe servire al leader della Lega per rilanciare il proprio partito e riconquistare i consensi persi negli ultimi mesi.

Salvini in aiuto

Salvini ha dichiarato di esser stato chiamato dai cittadini del paese campano, così come dagli abitanti di Castel Volturno. “Sarò a Mondragone martedì mattina. Sono in tanti ad avermi chiamato- così ha dichiarato Salvini a Dritto e Rovescio- Mi hanno chiamato da Mondragone e da Castel Volturno che una volta era la perla di quel litorale che adesso vive, ahimè, l’abusivismo e la clandestinità ai massimi livelli di questo paese. Martedì sarò sul posto per incontrare i cittadini e cercare di capire come aiutare anche le forze dell’ordine a fare il loro lavoro”.