Moni Ovadia: "Berlusconi al Quirinale chiuderebbe il cerchio sul teatrino Italia"

·1 minuto per la lettura

"I partiti italiani, tutti indistintamente, oramai sono soltanto dei comitati d'affari con qualche persona perbene al loro interno, non assolvono più alcun ruolo nella vita politica e sono irrilevanti. Allora anche l'elezione del Capo dello Stato non è altro che un gioco delle parti, un teatrino. In tal senso, Berlusconi è perfetto come Presidente della Repubblica: con lui al Quirinale si chiuderebbe a perfezione il cerchio sul teatrino Italia". Non fa sconti Moni Ovadia, attore e regista, commentando all'AdnKronos l'ipotesi di un'elezione di Silvio Berlusconi a Presidente della Repubblica.

"Se questa ipotesi si realizzasse, finalmente anche chi ancora nutrisse qualche dubbio capirebbe definitivamente cosa è l'Italia oggi - attacca Moni Ovadia - ovvero un Paese che può rispecchiarsi perfettamente in tutto ciò che Berlusconi rappresenta: l'emarginazione dei valori della Costituzione, la marginalità della politica rispetto agli affari, la liceità di qualsiasi atto contro il bene pubblico, le leggi che contano solo per gli altri e non per noi stessi. Tanti italiani la pensano così, manca un'autentica coscienza civile nazionale e lui sarebbe dunque un perfetto rappresentante. Basti osservare che oramai la metà degli elettori italiani non va più neanche a votare...".

In tal senso, allora, cambierebbe poco con un'elezione diretta del Presidente della Repubblica, anziché un voto affidato al Parlamento... "Infatti - risponde Moni Ovadia - Lo specchio dell'Italia è questo e se non fosse eletto Berlusconi verrebbe comunque eletto un suo 'alter ego' passato per uomo della provvidenza o uomo del destino, cadendo sempre in questa eterna illusione".

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli