Monitoraggio Gimbe: “Casi in discesa ma meno tamponi, quarta dose va fatta subito”

Il presidente Gimbe Nino Cartabellotta
Il presidente Gimbe Nino Cartabellotta

Secondo il monitoraggio della Fondazione Gimbe, nel periodo compreso tra il 4 e il 10 maggio sono diminuiti sia i casi positivi al Covid, sia i ricoveri e sia i decessi legati all’infezione. Va però al contempo evidenziato un netto calo dei tamponi effettuati.

Monitoraggio Gimbe dal 4 al 10 maggio

Rispetto alla precedente settimana, gli esperti hanno infatti registrato una diminuzione di nuovi casi (286.350 contro 394.945), di decessi (842 contro 962), di soggetti attualmente positivi (1.082.972 rispetto a 1.199.960), di persone in isolamento domiciliare (1.074.035 mentre prima erano 1.189.899), di ricoverati con sintomi (da 9.695 a 8.579) e di ospedalizzati in terapia intensiva (da 366 a 358). Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione, ci ha tenuto a sottolineare che, a fronte di un calo del 27,5% dei nuovi casi, c’è una contestuale diminuzione del numero di tamponi effettuati (-23,6%).

Cartabellotta sulla quarta dose

Lo stesso si è inoltre espresso sulla quarta dose parlando di “inaccettabili disuguaglianze regionali che dimostrano che le strategie di chiamata attiva sono molto più efficaci della prenotazione volontaria“. Tuttavia, ha continuato, la lentezza con cui procedono le somministrazioni è spia di una serpeggiante esitazione vaccinale, spesso alimentata da discutibili consigli sanitari che invitano ad aspettare l’autunno per effettuare l’ulteriore richiamo con vaccini aggiornati.

Una strategia che ha definito pericolosa per tre ragioni. In primis perché non vi è alcuna certezza su quando saranno disponibili questi vaccini aggiornati. Poi perché i dati dimostrano sia il calo progressivo dell’efficacia vaccinale sulla malattia grave sia un’elevata mortalità negli over 80 già coperti con la terza dose. Infine perché le prove di efficacia della quarta dose nel ridurre ospedalizzazioni e decessi sono sempre più consolidati, motivo per cui “deve essere fatta subito“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli