Monitoraggio Gimbe del 24 novembre: “Casi in aumento da 5 settimane, 18 province a rischio”

·2 minuto per la lettura
monitoraggio gimbe contagi ricoveri
monitoraggio gimbe contagi ricoveri

Il monitoraggio Gimbe del 24 novembre 2021 ha fatto emergere come tutti gli indicatori pandemici abbiano registrato un aumento nell’ultima settimana: sono infatti incrementati sia i decessi che i ricoveri che i contagi diagnosticati. Si tratta della quinta settimana consecutiva di salita dei casi positivi.

Monitoraggio Gimbe

Nel periodo compreso tra il 17 e il 23 novembre, i casi attualmente positivi sono saliti a 154.510 (da 123.396), i soggetti in isolamento domiciliare a 149.353 (da 118.945), i ricoveri con sintomi a 4.597 (da 3.970) e le terapie intensive occupate a 560 (da 481).

Rispetto al precedente monitoraggio, la Fondazione ha dunque rilevato un aumento dell’8,7% dei decessi, del 16,4% dei positivi in rianimazione, del 15,8% dei ricoverati sintomatici, del 25,6% dei soggetti in isolamento a casa, del 27% dei nuovi casi e del 25,25% degli attualmente contagiati.

Sono 18 le province considerate a rischio a causa di un’incidenza di 150 casi ogni 100 mila abitanti, tre volte superiore a quella che farebbe scattare la zona gialla. Si tratta di Trieste (674), Gorizia (492), Bolzano (442), Forlì-Cesena (311), Padova (274), Rimini (249), Aosta (248), Ravenna (214), Treviso (213), Venezia (213), Vicenza (200), Pordenone (186), Udine (183), Fermo (172), Ascoli Piceno (166), Belluno (162), La Spezia (162) e Imperia (160).

L’incidenza di 50 è comunque superata in totale in 92 province tra cui tutte quelle di Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte e Veneto.

Monitoraggio Gimbe: “Vaccinare il più possibile”

Di qui la necessità, espressa dal presidente Cartabellotta, di vaccinare il maggior numero possibile di persone non ancora immunizzate e di accelerare con la somministrazione delle terze dosi, in particolare negli over 60 e nei fragili. Inoltre, ha concluso, “é bene tenere a mente le lezioni imparate in 20 mesi di pandemia“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli